Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

lunedì 16 settembre

STATISTICHE

Visitatori : 3237678

Pagine visitate : 87485580

Utenti connessi : 20

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Vann'Antò
[ Ragusa 24/08/1891 , Messina 25/05/1960 ]


vanto ann'Antò è il nome con cui si firmò regolarmente Giacomo Giovanni Antonio. Professore di Letteratura delle tradizioni popolari all'Università di Messina, è stato con Ignazio Buttitta il massimo esponente della poesia siciliana del Novecento. Studioso di dialetti e di folclore siciliano (si ricorderanno almeno due sue opere: Il dialetto del mio paese e Indovinelli popolari siciliani), prese parte alla Prima guerra mondiale, sulla quale lasciò un libro di memorie.
Dal 1919 si dedicò all'insegnamento, prima nelle scuole medie superiori, poi come docente di Storia delle tradizioni popolari presso l'Università di Messina.
Nel 1915 è stato cofondatore con il ragusano Luciano Nicastro e il messinese Guglielmo Jannelli della rivista «La Balza» quindicinale, edito a Messina, organo ufficiale del Futurismo italiano
È diventato un'autorità non solo per le sue opere originali, ma anche per le traduzioni di alcuni autori, soprattutto dei decadentisti francesi. A questo proposito, nel 1955, Vann'Antò e Pier Paolo Pasolini furono protagonisti di un'interessante confronto sulla natura della poesia dell'autore ragusano. Pasolini sosteneva che le sue composizioni fossero ispirate al decadentismo di Stéphane Mallarmé e Paul Éluard. Vann'Antò non era d'accordo e in sua difesa chiamò come esperto Leonardo Sciascia, che così commentò in una lettera privata:

 «Quel che c'è di astratto e sublime nella sua poesia, nasce da una penetrazione in certi strati dell'anima e della cultura popolare siciliana, dove l'astratto e il sublime naturalmente germina.»
 

  • Fante alto da terra, Messina 1932 (poesie in lingua connessa alla sua esperienza militare).
  • La Madonna nera Messina 1955.

Tre sono i volumi in dialetto:

  • Voluntas tua, Roma 1926;
  • U vascidduzzu, Messina 1956;
  • 'A pici, Ragusa 1958; da cui si citano gli ultimi due testi.

Fatta eccezione per i versi tratti dal poemetto Mmiernu e primavera tradotti da P.P. Pasolini, le altre poesie sono volte in italiano dall'autore.

Scrisse inoltre alcuni saggi sulla Letteratura delle tradizioni popolari, tra cui:

  • Il dialetto del mio paese (1945)
  • Indovinelli popolari siciliani (1954)
  • Gioco e fantasia (1956).

Infine curò l'edizione de La Baronessa di Carini (1958, da una storia del Cinquecento).

A. Romano- S Pugliatti- Vann Antò.gif
Romano-Pugliatti-Vann'Antò

 


M'ama la bella mia

" M'ama la bella mia, sempri m'arriri:
quannu vuògghiu, rispunni a la ciamata. "
" A la mia bella ci manca la firi,
nun ci po' crirri, no, ri quantu è amata. "

" La mia bella è 'nu specciu, ca t'ammiri
e la to' fiura c'è sempri stampata... "
" La mia gioia si viri e nun si viri:
e primavera 'n mienzu a l'invirnata. "

" Iu vincii ni la ddutta ri l'amuri
ccu 'n attu ri curaggiu, cuomu fa
(vitti e sparau) lu bravu cacciaturi. "

" L'anima mia tenaci aspetta: sa
ch'è cciú vivu l'affettu nel duluri
cuomu la fiamma ni l'oscurità! "



___________________________________________________________________

La cartullina

Cci mmannarru e la cartullina
a n-surdatu muortu.
A n-surdatu muortu
cci mmannarru la cartullina!

La cartullina e di riciamu
quannu hâ-ssìri c'hâ-ssìri guerra:
quannu hâ-ssìri c'hâ-ssìri guerra:
tutti pronti a lu riciamu...

La matruzza e finìu ri ciànciri
ppi lu figghiu c'avìa muortu:
caru figghiu ch'è beddu muortu!
La matruzza finìu ri ciànciri.



___________________________________________________________________

L'arcunè
(Arrarrò)

Les enfants sont tout l'horizon

Oh cchi beddu arcu r'amuri,
oh cchi beddu tricculuri
ca scìu fora l'arcunè:
pani vinu e uògghiu cc'è!

Tricculuri ri la paci,
Pruvirenza ca si cumpiaci
e n'ammustra l'arcunè:
pani vinu e uògghiu cc'è.

Lu dillùviu ca finìu,
torna e arriri suli ri Diu
ca fa n-cielu l'arcunè :
pani vinu e uògghiu cc'è!

Ca finìu timpesta e guerra
e s'abbrazzanu cielu e terra,
si furmau e l'arcunè:
pani vinu e uògghiu cc'è.

Arcunè ri paci e d'amuri
lu cciù miegghiu tricculuri,
tricculuri ri l'arcunè:
pani vinu e uògghiu cc'è!


___________________________________________________________________

Canzonetta

I soldati vanno alla guerra.
Vanno come trasognati,
e la notte li rinserra.
La strada cammina, cammina
come una misteriosa pellegrina,
e sulle case addormentate
tutte le stelle si sono affacciate.
Ma i soldati sono quasi fanciulli,
e si mettono a cantare
la ninna nanna, per cullare
una tristezza che non si vuole addormentare.
Le stelle
sono come gocce d'argento
e le fa tremare il vento!
E mentre dormono tutte le belle
noi ce ne andiamo per la bianca strada
a ritrovare un'altra fidanzata!
Ed anche voi, dolcezza, dormite......
e del mio bene nulla sapete!
Volevo parlare, una sera.........
ma ogni detto fuggì dal mio cuore
come dalla gabbia una capinera!
E voi, bambini, fate la nanna
e non fate disperare la mamma.
Dormite
col guanciale bianco sotto la testa,
e intanto viaggia la tempesta!
O fratello ! Prima di partire
tante cose ti volevo dire.....
Ma come foglie portate dal vento
sono fuggite , e non me ne rammento!
O mamma, voi sola non dormite,
come una volta, quand'ero malato!
E voi sola m'avete vegliato,
e non mi potevo addormentare
se voi non eravate al capezzale.
Ma ero un fanciullo!
Ora , mamma, state contenta!
Sentite? il figlio vostro canta!
Canta e cammina per la bianca strada
per ritrovare la sua fidanzata.-
(ma le mamme non possono dormire,
e quella canzone le fa singhiozzare).
Sulle case addormentate
tutte le stelle sono tramontate.
I soldati vanno a testa china
e la strada cammina cammina.
___________________________________________________________________

L'urtima guerra

Cu ntê càmmini ca cumànnanu
(cuomu rici lu muttu anticu)
e li puòpuli ca si scànnanu!
l'un all'àutru e pirchì? nnimicu,
basta rìciunu la patria:
basta sièmu piècuri stùpiti
tinti piècuri testa-calata
Ca ci attocca fari li lupi,
ni pigghiàu la gran fuddia
ca cciù miegghiu a l'ucciria!

mmarditti puopuli e cu ni cuverna,
ca nun c'è cciù riliggioni:
nun cririèmu a la vita eterna
e curriemu a la distruzioni!
ni sduffammu ri la campata
ca finìu giustizzia e amuri
e finissi testa-tagghiata
lu stissu munnu lu stissu suli,
fussi morti ri ntunnu nsumma
quantu spara l'urtima bumma!

quantu fussi l'urtima guerra
e addiu gioia la matina
ca ti susi e aruri la terra,
biniritti ri l'acquazzina
macci e sciuri e lu laùri


crisci crisci misu n-caminu
ca l'uòcci ellu arrìrunu suli
priparàmuni a lu fistinu,
addiu gioia, quantu mi piaci
se cci fussi giustizia e paci!

paci e pani ca nun ammanca,
ca fai lonca la iurnata
quannu scura e truovi ianca
la tuvàgghia bedda strâta,
ccu li figghi 'ranni e nichi
ca cci arrìrunu li rienti
la ricòita fu di spichi
beddi cini e si' cuntenti,
cciu cuntenti a lu nnumani
paci santa ri lu pani!
pani ri lu santu acquistu,
pani ca si cci travàgghia
pani cu fu Gesù Cristu
e nascìu m-mienzu la pagghia,
battutu, fracillatu:
pani ca quantu custàu,
ccu sururi ri sancu varagnatu
ccu sururi ri morti e risuscitau,
pani gloriusu r'amuri
pani ri vera paci e reranturi!


ca n'avìssimu a ssittari
tutti a tàvula cumuni,
senza Làzzaru ncaddari
e so frati riccu Epuluni,
ca nun c'è nè to' nè miu:

nun si mància pani arrubbatu!
pani è di l'omu e Diu:
nè, ca cciuttuostu morri, nsancunatu!
pani ca siemu frati beddi unuti,
frati l'unu ccu l'autru ca s'aiùtinu.

Cusì fussi e cusì sia,
prima ca sona l'urtima ancunia!
___________________________________________________________________

Primave'

Primavera, è sì o no?
che mi fai la preziosa,
la vitellona scontrosa
già innamorata però...

Primavera, Primavera!
ecco Maggio e tu ancora sfuggi.
Quando rompi alfine gl'indugi,
tutta bella e sincera?

Se in una volta s'avventa,
bada! montando in furore,
ti strapazzerà tutta il sole :
come il toro la giovenca.
___________________________________________________________________



Pagina 1 di 7___________________1 2 3 4 5 6 7 >>

Lista eventi