Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

martedì 23 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3048588

Pagine visitate : 84282287

Utenti connessi : 19

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Futurismo a Messina e Sicilia

SiciliaMovimento di protesta per il passato e di proposta per il futuro, il futurismo trova la prima completa organizzazione teorica nel celeberrimo manifesto, fatto pubblicare da Marinetti nel 1909 su «Le Figaro» .
La redazione del documento era stata interrotta l’anno prima, quando il Marinetti era andato a Messina, devastata dal terribile terremoto, per proporre una ricostruzione futurista.
Messina è una città provvisoria, baraccata, vi fiorisce un forte movimento futurista letterario con Enrico Cardile, Guglielmo Jannelli, Vann’Antò , Salvatore Quasimodo, Luciano Nicastro e Ruggero Vasari. Quest'ultimo rappresenta l'espressione poetica più alta del Futurismo, gli altri danno vita al «Manifesto dei futuristi siciliani».
Jannelli-Nicastro-V'Antò fondano a Messina la rivista «La Balza» che in quegli anni si rivela punto di riferimento anche in ambito nazionale, dando al movimento una sua singolare anticipazione, in ambito letterario, con le loro vivaci intuizioni.
Messina è città sempre in articulo mortis ma che secondo l’espressione marinettiana è sempre pronta come per andare in scena sono protagonisti i futuristi al Parisien e al Mastroieni, quest’ultimo un teatro post-terremoto di legno affollato che applaude alla prima di Marinetti in bombetta. Era una Messina che stemperava nell’invenzione politica, sociale e artistica i segni di quel terremoto che l’aveva vista galleggiare «sull’acque viola».
Palermo è il luogo dei pittori dell’Isola con Pippo Rizzo, Vittorio Corona e Giovanni Varvaro, mentre Messina lo è per letteratura, anche se intanto cominciava a muoversi e ad essere apprezzato il giovanissimo Giulio D’Anna, poi uno dei più significativi aeropittori del panorama italiano.
Il Futurismo siciliano è caratterizzato da una sua cifra inconfondibile di solarità e cromatismi mediterranei. Balla, Boccioni, Depero, Dottori, Benedetta Marinetti, Prampolini, Tato ed altri, autori che operarono in Sicilia partecipano sia alle esposizioni storiche, sia alle iniziative del movimento futurista siciliano.
I dipinti futuristi siciliani circolano nelle Biennali e nelle Quadriennali e nelle altre collettive, da quelle dei primi anni Venti alle Sindacali dei primi anni Trenta. Lista eventi