Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

mercoledì 26 febbraio

STATISTICHE

Visitatori : 3344001

Pagine visitate : 89042673

Utenti connessi : 15

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

San Luca di Demenna
[ Demenna (attuale Alcara li Fus 920 , Armento (PZ) 13/10/993 ]


San Luca Demennaiglio dei nobilissimi Giovanni e Tedibia venne educato allo spirito cristiano. Lascia il paese nativo per recarsi dai Padri Basiliani di S. Filippo di Agira, per farsi sacerdote.
Per sfuggire alle vessazioni dei Saraceni, che avevano conquistato l'isola attraversò lo stretto e andò a mettersi sotto la disciplina di S. Elia Speleota di Reggio. Ma ben presto anche la zona dell'Aspromonte divenne meta delle incursioni saracene, per cui egli prese la via del Nord fino a raggiungere la famosa eparchia monastica del Mercurion, ai confini tra Calabria e Lucania, meta di tutti i Santi italo-greci del sec. X.
iunse a Noa (Noepoli), dove restaurò la cadente chiesa di San Pietro Apostolo e dimorò con i suoi discepoli per sette anni, praticando il più rigoroso ascetismo e dandosi ai lavori dei campi, tanto da cambiare il deserto in giardino. In breve tempo si diffuse la fama della sua santità; infatti, era diventato medico per i malati, rifugio per i bisognosi, che sfamava e confortava in ogni modo, e dette così a tutti la luce della parola di Dio. Desideroso di maggiore solitudine, passò nel territorio di Agromonte, presso il fiume Agri, dove restaurò il monastero di San Giuliano; qui, essendosi formata una grande comunità di uomini, ne vestì molti dell’abito monacale e li educò secondo i suoi principi di ospitalità, umiltà, astinenza, carità e preghiera. Operò molte cose mirabili: cacciava gli spiriti dagli indemoniati, ridava la salute agli infermi, e a volte i frati facevano miracoli pronunciando solo il suo nome. Prestò la sua opera di cristiana carità ai soldati feriti nel conflitto tra i Saraceni e i Tedeschi di Ottone II; fortificò il castello di Armento, dove si era rifugiato in cerca di solitudine, e lo fece diventare il quartiere generale, sia come baluardo fortificato contro le incursioni dei Saraceni, sia come palestra dei molti miracoli, che egli vi operò.
ostruì una basilica in onore della Vergine Maria e di San Pietro Apostolo, lasciandone la custodia ai propri discepoli. I Saraceni si accamparono nel tempietto della Santissima Vergine e facendo scorrerie per i luoghi vicini deturpavano e insudiciavano il luogo sacro della Madre di Dio. Il Santo udendo le ingiurie rivolte alla Madonna e i gemiti emessi dai suoi compagni fatti prigionieri pregò il Signore di liberarli da questo obbrobrio con la sua misericordia. Il Signore esortò S. Luca a parlare con i suoi fratelli e a cacciare gli invasori. San Luca così scelse un manipolo dei più forti e si mise davanti all’entrata per combattere. Così uscirono in campo contro i Saraceni, che mentre si disponevano a combattere videro venire contro di loro un cavallo tutto splendore su cui sedeva il Santissimo Padre; a questa vista i Saraceni, presi da grande paura si diedero alla fuga.
Più tardi il Santo compì altri prodigi come la guarigione di molti malati dopo lo scoppio di una strana epidemia. San Luca morí, assistito da San Sabba di Collesano, nel celebre monastero dei SS. Elia ed Anastasio del Carbone il 5 febbraio 995 e fu sepolto nella chiesa del monastero, dove ebbe culto pubblico.

Lista eventi