Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

venerdì 7 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3833797

Pagine visitate : 103800215

Utenti connessi : 25

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Taberna Mylaensis
[ Milazzo (ME) 1975 , ]


Taberna Mylaensisato come gruppo di ricerca e riproposta della musica popolare siciliana, Il repertorio, originariamente concentrato sulla canzone di protesta, gradualmente si é spostato su un approccio piú contemporaneo e tradizionale. La Sicilia é situata in un incrocio di flussi commerciali e la sua cultura é stata influenzata dai Greci, Arabi, Normanni e popolazioni Magrebini. Tutte queste culture hanno a loro volta influenzato la musica della Taberna.
La lunga storia del gruppo attraversa tre decadi con continui cambi di organico, é caratterizzata da tre periodi ben distinti.
Dal '75 al 1980 il suo repertorio é basato quasi esclusivamente su brani della tradizione, raccolti oralmente o tratti dalle ricerche di etnomusicologi o storici delle tradizioni popolari quali,(Alberto Favara, Giuseppe Pitré,Leonardo Vigo,Salomone Marino, Amabile Guastella) (fine 1800).

al 1980 al 1996, la Taberna compone ed integra il repertorio con brani di nuova composizione.
L'ultima fase inaugurata con l'album "L'anima du munnu" (1998) e recentemente con il cd "E vinniru du mari...Federicu", continua il percorso musicale della Taberna in cui i pezzi, oltre la ricerca, sono esclusivamente composti, musicati e rielaborati da Luciano Maio Nel 1976 , poco dopo l'esordio discografico, il gruppo fa da supporter al cantautore, Francesco De Gregori nel suo tour nazionale, esperienza che consente alla Taberna di apparire in diversi programmi radio-televisivi, tra cui la trasmissione-culto 'L'altra Domenica ' condotta da Renzo Arbore e "Pop Off" di C.Massarini.

el 1977 il gruppo partecipa al festival pop organizzato dalla rivista Re Nudo al Parco Lambro, Milano. Nel '78 é in tournée nei Paesi Bassi, dove tornerá due anni dopo per rappresentare l'Italia al Winterfolkfestival di Dordrecht e Arnhem (Olanda).
Nell'81 con il nuovo l.p. 'Gricalata' la Taberna inaugura una nuova fase musicale "Folk Rock" che promoziona con un nuovo tour Europeo.
Nel corso del 1984 la Taberna Mylaensis é invitata ancora una volta a rappresentare l'Ítalia in un festival di rilevanza internazionale (Poetry International di Rotterdam) .
a notorietá in Olanda, a quel punto, consente al gruppo di approdare alla Pan Records, importante etichetta specializzata in musiche etniche e world. Da quel momento, i dischi registrati saranno distribuiti in tutto il mondo. La preparazione di 'L'Anima du Munnu' spinge Maio ad elaborare una nuova poetica,che distanziandosi dalla riproposizione 'fedele' della musica tradizionale siciliana, esplora nuove relazioni con le culture del bacino mediterraneo.
Non é un caso che Taberna Mylaensis, che definisce la sua musica etno-folk, si trovi quindi ad esibirsi nel '98 al C.R.R. Concert Hall di Istanbul in Turchia, riscuotendo notevole successo.
Nel 2001 con l 'uscita del cd "La Chiami Sicilia", registrato dal vivo,il gruppo raccoglie le pagine piú significative dei venticinque anni di carriera.
Nel 2004 la Taberna Mylaensis riceve a Siracusa il premio 'Corrado Maranci per l'attivita, il contributo e la diffusione data alla cultura e musica popolare Siciliana.
Nel giugno 2004 é stato presentato alla stampa il CD 'E vinniru du mari..Federicu'. Una ricerca ed un omaggio alla Scuola Poetica Siciliana (sec.XII) nel Regno Siculo-Normanno di Federico II di Svevia.

U Tritrolu

U tritrolu u tritrolu
u tritrolu chi cìauru fa
o signurina scumbagghia u linzolu
chi voli u tritrolu cu pampanà

U cutugnu u cutugnu
u cutugnu chi ciauru fa
e signurina ma pigghia e ma mpugna
chi voli u cutugnu cu pampanà

A racina o racina
a racino chi cìauru fa
a signurina ma pigghio e ma mina
chi voli a racina cu pamponà

A banana a banana
o banana chi ciauru fa
a signurino scumbogghia a suttana
chi voli a banana cu pampanà

A girasa a girasa
o girasa chi ciauru fa
o signurina sa pigghìa e sa trasa
chi voli o girasa cu pampanà

U muluni u muluni
u muluni chi cicuru fa
a signurina mi cchioppa un cugghiuni
chi voli u muluni cu pampanà

U limuni u limuni
u limuni chi ciauru fa
a signurina mi liscia u bastuni
chi voli u limuni ni pampanà
___________________________________________________________________

Romanza

E staju cantandu son circa tri uri
e sta finestra non vidu aprìri
jo cantu lacrimi e duluri
e ti vurria na sira vidiri

E sta canzuna non è poi stunata
e tu 'ngrata non pensi cchiù a mìa
e ti vurria na sira offacciata
quantu stu cori parrassi cu tìa

Idda saffaccìa la mè cara amanti
e dormi dormì non fari cosi
jo sugnu a lettu chi staiu vigghiannu
e tu dda ffora chi soffri pi mia

La me chitarra è duci e amurusa
e ccu la sona la sapi accurdari
idda rispunni pietusa pìetusa
jo sugnu stanca pi quantu t'amai
___________________________________________________________________

Fammi ristari 'nta menzu di to brazza

Fammi ristari 'nto menzu di to brazza
dammi un bacittu cu sta buccuzza rosa
tenimi strittu e fammi na carizza
non mi lassari resta o mia vicinu

Fammi ristari 'nta menzu di to brazza
fammi tuccari na picca sutta a vesti
porta la manu 'nto menzu a stu giardinu
non mi lassari resta a mia vicinu

Fammi ristari 'nta menzu di to brazza
scantu n'aviri si la to madri veni
strinciti forti ca ti vogghiu bbeni
non mi lassari resta a mia vicinu

Fammi ristari 'nta menzu di to brazza
dammi sta buccuzza duci di l'amuri
non t'umbriari pi stì cosi beddi
non mi lassari resta a mia vicinu

Fammi ristari 'nta menzu di to brazza
vardimi 'nta l'occhi, no ristari morta
scantu n'aviri, non li fazzu mali
teneti stritta, resta o mia vicinu
___________________________________________________________________

Canto della vendemia

E trullalleru e trullalleru
e trullalleu llalleru llallà

Javi un annu chi zappu la vigna
cu la spiranza di lu vinnignarì
non ristai manu scipparne ramigns
e mancu l'ugns nittannu sipali

Ora chi vinni ora chi vìnni
lu tempu di lu vinnignari
comu a pilatu comu a pilatu
comu a pilatu mi lavu li mani

E trullalleru e trullalleru
e trullalleu llalleru llallà
___________________________________________________________________

Cantu di carcirati

Co Sutta 'ma nferau povìreddi
nui semu cundannati a tirannia
a manu di li lupi sù l'agneddi
ciancitinni cianciti mamma mia

A mia quannu mi pigghiaru
le mè bucca si chiudiu
non dissi autru: aiuto Diu
di sti guai non nesciu cchiù

Mi pigghiaru m'attaccaru
mi jttaru 'nto cammaruni
c'era un giudici a tavuluni
chi strillava contra a mia

'Nta li strilli e li minacci
sti paroli mi dicia
jo ti mannu alla galera si
non dici la virità

Ma signuri nun sacciu nenti
di sta cosa su innocenti
mi pigghiaru attortamenti
e nun sacciu lu pirchi

Affirratulu attaccatilu
ittatulu 'nta na fossa
ridducitilu peddi e ossa
senza sapiri lu pirchì

Carzareri chiavitteri
carzareri toppi e chiavi
alla fini a cu ammazzasti
'na picciotta e nuddu chiù

Ca sutta stu 'nferno povireddi
nui semu condannati a tirannia
a manu di li lupi su l'agneddi
ciancitinni cianciti mamma mia
___________________________________________________________________

Portella della Ginestra

'ntà lu chianu da purtedda
chiusa a'nmenzu a ddù muntagli
cc'è na petra supra l'erba
pi ricordu a li compagni,
all'additta ni sta petra
a lu tempu di li fasci
un'apostulu parrava
di lu beni pi cu nasci
e di tannu finu a ora
a purtedda da Ginestra
quannu veni u primu maggio
i cumpagni fannu festa.
Giulianu lu sapia ch'era a festa di li poveri
Na jurmata tutta suli doppu tanta tempu a chiovirì
Cu ballava, cu cantava, cu accurdava li canzuni
E li tavuli cunzati di nuciddi e di turruni.

Ogni asta di bannera, era zappa vrazza e manu
E la terra siminata, pani cauddu, furnu e granu.

La speranza d'un dumani chi fa u munnu na famigghia
La vitevunu vicinu e cuntavunu li migghia,
l'uraturi di ddu jornu jera Japicu Schifò,
dissi: viva u primu maggiu, e la lingua ci'assicc0.
Di lu munti la Pizzuta ch'era u puntu cchiù vicinu.
Giulianu e la so banna scatinò a carneficina.

A tappitu e a vintagghiu, mitragghiavunu la genti
Comi fauci chi meti cu lu fòcu 'ntrà li denti,
cc'è cu scappa spavintatu, cc'è cu cianci e grida aiutu,
cc'è cu jetta i vrazza all'aria a'ddifisa comu scudu,
e li matri cu lu ciatu, cu lu ciatu e senza ciatu
figghiu miu, corpu e vrazza comu 'nghiommuru aggruppatu.

Doppu un quartu di ddu 'nfernu, vita, morti e passioni,
i briganti si nni jeru senza cchiu munizioni,
arristam a menzu o sangu e 'ntà l'erba di lu chianu,
vinti morti, puvireddi, chi vulianu un munhu umanu,
e 'ntà l'erba li cianceru matri e patii agginucchiati,
cu li lacrimi li facci ci lavavunu a vasati.

Epifania Barbatu cu lu figghìu mortu 'nterra dici:
a li poveri puru ccà ci fannu a guerra,
mentri Margherita la Glisceri ch'era ddà cu cincu fìgghii
arristò morta ammazzata e 'ntò ventri avea u sestu figghiu.

Fu ddù jornu,fu aPurtedda,
cu cci va doppu tan'tanni,
viti morti 'ncarni e ossa,
testa,facci, corpa e ghiammi.
Viva ancora, ancora vivi
E na vuci 'ncelu e terra,
e na vuci 'ncelu e terra:
o' giustizia, quannu arrivi.
___________________________________________________________________



Pagina 2 di 2___________________<< 1 2

Lista eventi