Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

venerdì 7 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3833807

Pagine visitate : 103800513

Utenti connessi : 27

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Giorgio Di Bella
[ Messina , ]


Giorgio Di Bellaolipercussionista, si occupa delle potenzialità espressive della multipercussione nel linguaggio artistico. Sin da giovane suona in piccole formazioni d’intrattenimento e dancing le quali costituiscono i suoi primi impegni “semiseri”. La preziosa possibilità di collaborare con diversi gruppi di ricerca musicale specifica (tradizioni celtiche, medievali, trovadoriche, etno, blues, world ecc….) lo avvicina all’uso di strumenti “particolari” (l’irlandese bodhran, gli indiani tabla, gli asiatici Bendir, Riq e Darabuka ecc….).
l mondo della multipercussione è quindi scelta già compiuta, pratica dalla quale non si discosterà più, saranno anni (’70 – ‘80) di molte collaborazioni sia con musicisti solisti come A.Calogero (compositore contemporary guitar), Giancarlo Parisi (Cantiere sonoro, Mia Martini, De Andrè, Fossati, Mannoia, PFM), Bobo Otera (Scirocco, Taberna Milaensis), Pippo e Melo Mafali (New age and contemporary music), Dino Scuderi (Famiglia Lentini, Denovo, Musical “Salvatore Giuliano”) in contesti teatrali ( Maurizio Marchetti) che in formazioni strumentali guidate da etno-musicologi (Sergio Bonanzinga, Orazio Corsaro) in gruppi etno (Kunsertu, Isola) cultori del Blues (Johnnybellebambine, Angelo Morabito, Max Garrubba).

Ciclo

Danza la vita e la morte, danza il grano che diventa pane.
Danza la vita e la morte, danza l’uva che diventa vino.
Danza la vita e la morte, danza il fuoco che diventa fumo.

Danza la vita e la morti, danza la notte che diventa il sole.
Danza la vita e la morti, danza la neve che diventa il fiume.
Danza la vita e la morti, danza il fiume che diventa mare.

Chistu è u iocu da’ vita e da’ morti,
è nu iocu che fai puru tu.
Si tu trasi ’nto iocu du ciclu,
prima o poi danzerai puru tu.
___________________________________________________________________

Androgino

L’onda si è fermata da dove è partita,
onda che è arrivata, onda che si placa.
Cerchio che si chiude…Androgino.
Vertice del triangolo.
Dopo tanto due…ritornare a casa.

Bene, male. Bianco, nero. Uomo, donna.
Odio, amore. Nord, sud. Guerra, pace.
Giorno, notte. Materia, antimateria.

Androgino è l’uno da cui provengo.
Androgino è l’uno a cui ritorno.
Om è il respiro, l’abbandono.
Om è il respiro, l’assoluto.
Androgino è l’uno da cui provengo.
Androgino è l’uno a cui ritorno.
Ascolta il tuo dentro, è la tua casa.
Ascolta il tuo dentro, il tuo corpo è un tempio.
Dentro me sento l’universo,
ho capito che il mio dentro è infinito.

Bene, male. Bianco, nero. Uomo, donna.
Odio, amore. Nord, sud. Guerra, pace.
Giorno, notte. Materia, antimateria.
Positivo, negativo. Bianco, nero. Odio, amore.

Due, due, due…Androgino.
___________________________________________________________________

Festa

D’i munti scinnunu.
È festa, fedeli accurrunu alla marina,
la Madonna è pronta supra i barchi e sulla rina.
D’i casi nesciunu, i genti nesciunu.
È festa, fedeli accurrunu alla marina,
la Madonna è pronta supra i barchi e sulla rina.

D’i munti scinnunu i fedeli,
i fedeli…i genti…i fedeli scinnunu
pi ’tia… pi ’tia Madonna di lu Mari.
Li genti currunu e…vadda, vadda quanti ciuri!
Madonna di lu mari, li barchi sunnu pronti ch’i lampari.
O Madonna di lu mari, fai ’sta grazia ’e piscaturi,
’e to’ figghi, figghi di lu mari,
fai pigghiari l’oru di ’stu mari
’e to’ figghi, figghi di lu mari,
tuttu l’oru e l’argentu di lu mari,
tutti i petri e lu suli di ’stu mari,
tuttu u suli e l’amuri di ’stu mari.
O Madonna, Madonna di lu mari.

È la festa, è la festa di lu mari.
Tocca u mari, l’acqua di ’stu mari,
senti l’acqua, senti l’aria di ’stu mari,
senti, senti…non ti poi stancari.
Guarda quanta…quanta acqua…
Tocca l’acqua di ’stu mari,
e li barchi, li barchi in prucessiuni,
quanti barchi ’nta ’stu mari.
O Madonna, Madonna di lu mari,
pi’ tia, pi’ tia
___________________________________________________________________

L'Anciulu

Tutti abbiamo un Angelo,
e quest’isola scende fino al fuoco…
E il fuoco è di tutti, ma della terra è lei signora,
Fatima, Sofia, anima di ogni creatura.
L’Anciulu è ddà…l’Anciulu è ccà…l’Anciulu è…

Mazda, Mazdea, Mundus Imaginalis
Alam al-mithal, al-alham al-mithali.

Troppu suli, troppu suli, ’nta st’isula troppu suli
troppu suli, troppu suli, ’nta st’isula e l’equaturi.
Picciriddu non giucari, o’ cucchiti.
Troppu suli, troppu suli, ’nta st’isula e o Paraguay.
Non giucari sotto al suli, chiudi a porta da to’ casa,
la to’ mamma dici giustu,
si passa l’Anciulu pi carità…
chi cauddu chi fa !

Troppu suli, troppu suli, ’nta st’isula troppu suli
troppu suli, troppu suli, st’isula è un equaturi.
Lassa stari, non giucari, si passa l’Anciulu
Ti potta cu iddu via…
…Via, luntanu via… cu iddu via… ’nto celu via
___________________________________________________________________

Balla

Balla, balla e balla,
balla u tavulinu, tinemuni pi’ manu
Balla, balla e balla,
e balla u tavulinu, le mani vicinu
Cu si ? cu si ? ci si ? …e aunni si ?
Ciao, sono Jasad B, e ti dico svegliati
svegliati alla vita.
Ma senti il profumo dei fiori, gli usignoli cantare ?
il colore del mare, svegliati non dormire,
la vita è sentire, toccare, amore, amare…
Balla, balla e balla che la vita è bella !
___________________________________________________________________



Pagina 5 di 5___________________<< 1 2 3 4 5

Lista eventi