Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

venerdì 7 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3833798

Pagine visitate : 103800233

Utenti connessi : 28

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Giorgio Di Bella
[ Messina , ]


Giorgio Di Bellaolipercussionista, si occupa delle potenzialità espressive della multipercussione nel linguaggio artistico. Sin da giovane suona in piccole formazioni d’intrattenimento e dancing le quali costituiscono i suoi primi impegni “semiseri”. La preziosa possibilità di collaborare con diversi gruppi di ricerca musicale specifica (tradizioni celtiche, medievali, trovadoriche, etno, blues, world ecc….) lo avvicina all’uso di strumenti “particolari” (l’irlandese bodhran, gli indiani tabla, gli asiatici Bendir, Riq e Darabuka ecc….).
l mondo della multipercussione è quindi scelta già compiuta, pratica dalla quale non si discosterà più, saranno anni (’70 – ‘80) di molte collaborazioni sia con musicisti solisti come A.Calogero (compositore contemporary guitar), Giancarlo Parisi (Cantiere sonoro, Mia Martini, De Andrè, Fossati, Mannoia, PFM), Bobo Otera (Scirocco, Taberna Milaensis), Pippo e Melo Mafali (New age and contemporary music), Dino Scuderi (Famiglia Lentini, Denovo, Musical “Salvatore Giuliano”) in contesti teatrali ( Maurizio Marchetti) che in formazioni strumentali guidate da etno-musicologi (Sergio Bonanzinga, Orazio Corsaro) in gruppi etno (Kunsertu, Isola) cultori del Blues (Johnnybellebambine, Angelo Morabito, Max Garrubba).

Puro "masculu sicilianu"

U masculu sicilianu comu un lupu ti punta
ti vadda pettu, cianchi, e a camminatura
E’ masculu, è masculu, è puru “masculu sicilianu”.
Il masulu sicilianu quann’è ca so fimmina
a mucciuni si gira, non si ’nni fa accorgiti
e comu un fitenti fa finta di nenti
ti lancia n’occhiata ca ti senti spugghiata.
U masculu sicilianu passia di setti e novi
usciatu comu un pauni cull’occhi ’mmaliaturi
picchì è masculu, è masculu, è puru “masculu sicilianu”…
…e vadda, vadda, vadda…
E vadda, vadda, ci piaci vaddari,
e sogna, sogna, cu ranni passiuni,
picchì è masculu, pi tradiziuni!
___________________________________________________________________

Ciano

Scurri, scurri ciumi
scurri ’nfinu o mari
scurri scurri ciumi
scurri ’nta i papiri.
Scurri barca lenta, ’nta l’acqua nira, ferma
sta arrivannu a notti, iddu ’dda t’aspetta…
Dall’acqua nesci nuda, lucenti comu a luna,
scantata cerca l’umbra, l’umbra ’nta i papiri,
amanti ciumi e mari e, quannu a luna è china
si senti ansimari,
si sentunu du vuci ’ntra li ciuri…
Ah! Tocchimi ’cca!
Ah! Strincimi forti!
Ah! Tenimi i mani!
Ah! Non mi lassari!
Ah! Vadda sta luna!
Ah! Strincimi forti!
Ah! Tocchimi ’cca!
___________________________________________________________________

Pensieri

Quante volte andrò l fiume a prendere l’acqua
Quante volte su questo treno penserò al fiume
Quante volte ci saranno le isole sul mare
I miei pensieri scivolano sull’acqua, scorrono come il fiume…
Occhi neri, giornali, odori, solitudine, colori
E ascolto il gioco lento dell’acqua tra i sassi
E ascolto il mio respiro quieto sul fiume
Il mio respiro è quieto sul fiume
Il treno si è fermato
Si è fermato anche il pensiero…
___________________________________________________________________

Mamma li turchi

Li turchi su arrivati alla marina,
pigghia lu turcu ’cca, pigghia lu turcu ’dda,
pigghiulu, pigghiulu, moviti pigghiulu,
arrivunu mamma li turchi!
Sbaccannu ogni ghionnu in Sicilia,
’cchiù di li muschi di li so galeri,
’ffirrannu fimmini e picciriddi,
’ffirrannu robba e i danari,
poi ’nto ’llampu supra li galeri,
pigghiannu la rutta e sparinnu ’nto mari!
Ma quannu li siciliani vonnu riagiri,
su omini forti e di ranni valuri,
accussì finiu, ca li pigghiaru a sti turchi
e ’nni ficiru mossa e pezzettini!
Ma puru si di li turchi si pessi la nomea
Ancora oggi ogni tantu si senti cantari…
___________________________________________________________________

Niru

Sett’anni pi lu maritu,
sei anni pi nu patri,
cinc’anni pi na matri,
sei misi pi nu zitu…
Sett’anni pi lu maritu,
quattr’anni pi nu frati,
quattr’anni pi na soru,
sei misi pi nu zitu…
Luttu ’nta lu cori, niru è u so coluri,
na vita pu figghiu ranni,
tri anni pi nu figghiolu…
U to compagnu era murutu,
morti pi la to’ vita, pi la vita toi,
ca’ facci ianca, ’mpuggiata o muru,
smaniavi, gridavi, chiancivi tu,
“No, non è veru, non poti essiri veru!”
Quannu i chianciru non ci ’a facisti ’cchiù,
strugghisti i capiddi niri tu,
da stanza i lettu niscisti tutta a niru,
niru comu lu to cori è la vesti toi…
…e tutta la vita è niru…
niru comu lu scuru,
scuru è lu misteru,
misteru è la nostra vita…
e tutta la vita è niru!…
___________________________________________________________________

Panagia

Panagia lu pani facia,
passau lu nostru Signuri e ci spiau,
illa ci rispunniu “non su cosi chi riguardinu a ’ttia!”
Lu Signori ci sputau e lu focu si smortau…
Tuttu lu corpu è sputatu, tuttu lu corpu è maniatu,
tuttu nu focu, mi brucia stu sangu,
strichimi, tocchimi, pensici tu!
Lu focu ’nto cori, lu focu ’nta carni,
lu focu ’nto cori, Sant’Antoni!
___________________________________________________________________



Pagina 3 di 5___________________<< 1 2 3 4 5 >>

Lista eventi