Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

sabato 10 dicembre

STATISTICHE

Visitatori : 3896071

Pagine visitate : 104602754

Utenti connessi : 37

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Nicola Rustica
[ Messina , ]


Nicola Rusticahitarra e voce degl' «Isola», inizia la sua avventura col gruppo nel 1995, insieme a Iolanda Vacalebre, che, dopo essersi concentrati su sonorità jazz-rock, si sono rivolti ad un ambito di ricerca e sperimentazione musicale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciclo

Danza la vita e la morte, danza il grano che diventa pane.
Danza la vita e la morte, danza l’uva che diventa vino.
Danza la vita e la morte, danza il fuoco che diventa fumo.

Danza la vita e la morti, danza la notte che diventa il sole.
Danza la vita e la morti, danza la neve che diventa il fiume.
Danza la vita e la morti, danza il fiume che diventa mare.

Chistu è u iocu da’ vita e da’ morti,
è nu iocu che fai puru tu.
Si tu trasi ’nto iocu du ciclu,
prima o poi danzerai puru tu.
___________________________________________________________________

Androgino

L’onda si è fermata da dove è partita,
onda che è arrivata, onda che si placa.
Cerchio che si chiude…Androgino.
Vertice del triangolo.
Dopo tanto due…ritornare a casa.

Bene, male. Bianco, nero. Uomo, donna.
Odio, amore. Nord, sud. Guerra, pace.
Giorno, notte. Materia, antimateria.

Androgino è l’uno da cui provengo.
Androgino è l’uno a cui ritorno.
Om è il respiro, l’abbandono.
Om è il respiro, l’assoluto.
Androgino è l’uno da cui provengo.
Androgino è l’uno a cui ritorno.
Ascolta il tuo dentro, è la tua casa.
Ascolta il tuo dentro, il tuo corpo è un tempio.
Dentro me sento l’universo,
ho capito che il mio dentro è infinito.

Bene, male. Bianco, nero. Uomo, donna.
Odio, amore. Nord, sud. Guerra, pace.
Giorno, notte. Materia, antimateria.
Positivo, negativo. Bianco, nero. Odio, amore.

Due, due, due…Androgino.
___________________________________________________________________

Festa

D’i munti scinnunu.
È festa, fedeli accurrunu alla marina,
la Madonna è pronta supra i barchi e sulla rina.
D’i casi nesciunu, i genti nesciunu.
È festa, fedeli accurrunu alla marina,
la Madonna è pronta supra i barchi e sulla rina.

D’i munti scinnunu i fedeli,
i fedeli…i genti…i fedeli scinnunu
pi ’tia… pi ’tia Madonna di lu Mari.
Li genti currunu e…vadda, vadda quanti ciuri!
Madonna di lu mari, li barchi sunnu pronti ch’i lampari.
O Madonna di lu mari, fai ’sta grazia ’e piscaturi,
’e to’ figghi, figghi di lu mari,
fai pigghiari l’oru di ’stu mari
’e to’ figghi, figghi di lu mari,
tuttu l’oru e l’argentu di lu mari,
tutti i petri e lu suli di ’stu mari,
tuttu u suli e l’amuri di ’stu mari.
O Madonna, Madonna di lu mari.

È la festa, è la festa di lu mari.
Tocca u mari, l’acqua di ’stu mari,
senti l’acqua, senti l’aria di ’stu mari,
senti, senti…non ti poi stancari.
Guarda quanta…quanta acqua…
Tocca l’acqua di ’stu mari,
e li barchi, li barchi in prucessiuni,
quanti barchi ’nta ’stu mari.
O Madonna, Madonna di lu mari,
pi’ tia, pi’ tia
___________________________________________________________________

L'Anciulu

Tutti abbiamo un Angelo,
e quest’isola scende fino al fuoco…
E il fuoco è di tutti, ma della terra è lei signora,
Fatima, Sofia, anima di ogni creatura.
L’Anciulu è ddà…l’Anciulu è ccà…l’Anciulu è…

Mazda, Mazdea, Mundus Imaginalis
Alam al-mithal, al-alham al-mithali.

Troppu suli, troppu suli, ’nta st’isula troppu suli
troppu suli, troppu suli, ’nta st’isula e l’equaturi.
Picciriddu non giucari, o’ cucchiti.
Troppu suli, troppu suli, ’nta st’isula e o Paraguay.
Non giucari sotto al suli, chiudi a porta da to’ casa,
la to’ mamma dici giustu,
si passa l’Anciulu pi carità…
chi cauddu chi fa !

Troppu suli, troppu suli, ’nta st’isula troppu suli
troppu suli, troppu suli, st’isula è un equaturi.
Lassa stari, non giucari, si passa l’Anciulu
Ti potta cu iddu via…
…Via, luntanu via… cu iddu via… ’nto celu via
___________________________________________________________________

Balla

Balla, balla e balla,
balla u tavulinu, tinemuni pi’ manu
Balla, balla e balla,
e balla u tavulinu, le mani vicinu
Cu si ? cu si ? ci si ? …e aunni si ?
Ciao, sono Jasad B, e ti dico svegliati
svegliati alla vita.
Ma senti il profumo dei fiori, gli usignoli cantare ?
il colore del mare, svegliati non dormire,
la vita è sentire, toccare, amore, amare…
Balla, balla e balla che la vita è bella !
___________________________________________________________________



Pagina 5 di 5___________________<< 1 2 3 4 5

Lista eventi