Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

venerdì 7 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3833833

Pagine visitate : 103801132

Utenti connessi : 28

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Isola
[ Messina 1995 , ]


isolaa storia degli ISOLA ha inizio nel 1995, dall'unione artistica di Iolanda Vacalebre e Nicola Rustica, con l'esplorazione di sonorità jazz-rock. Lo stesso anno entra a far parte del gruppo Giovanni Crispino e l'attenzione del trio si sposta nell'ambito della ricerca e della sperimentazione musicale con il percorso che conduce alle attuali ricerche sonore, dove l'impulso di guardare alle proprie radici, alle memorie sedimentate nella propria terra, convive in perfetto equilibrio con il presente tecnologico, traducendo così in canto l'informe energia di questa terra di Sicilia, profumata come una rosa irta di spine. Ed il canto della terra del sud è il pretesto per cantare l'uomo in tutte le sue sfaccettature. Nel 1996 «Isola» viene selezionato per la rassegna «Arezzo Wave», l'importante festival delle nuove tendenze musicali italiane, per l'originalità dei testi e delle musiche, ed è presente nella relativa compilation con il brano «Panagia» (tratto da un rituale ancora in uso in un paese del messinese, per scacciare il fuoco di Sant'Antonio-Herpes zooster- dal corpo dell'inferno).

ll'inizio del '97 realizza il primo disco intitolato «ST'ISULA» che contiene 10 brani, per la cui stampa concorre l'Assessorato alla Cultura del Comune di Messina.
Nel 2000 il secondo lavoro discografico dal titolo «MUNDUS IMAGINALIS» prodotto dalla Compagnia Nuove Indye di Roma che lo promuove e lo distribuisce in Italia e all'estero.

l gruppo Isola inoltre è presente in alcune compilation prodotte dalla stessa etichetta in Francia.
Il terzo album «Dea» arriva nel 2004. Un viaggio nel mondo femminile, prodotto da CNI, Look Studio ed Helikonia, distribuito in Italia da CNI ed all’estero da Mint Record.
Nel 2006 sono presenti nella compilation «Siciliae, Antologia della Musica Siciliana» pubblicata in ottobre dalla Recording Arts con distribuzione internazionale.
Brani di Isola sono stati passati più volte in programmi televisivi quali «Linea Blu» di RAIUNO, ed altri special di RAITRE e RAISAT Album:
Intensa l'attività concertistica del gruppo, che ha partecipato a svariate rassegne e festival in tutta Italia, nonché a spettacoli teatrali ed a varie manifestazioni di carattere culturale. Si è esibito al Womad 2002 il prestigioso festival ideato da Peter Gabriel, dove artisti di fama internazionali provenienti da ogni parte del mondo offrono al pubblico attraverso la musica una coinvolgente esposizione della loro cultura.
Il concerto degli Isola è la sintesi di una ricerca condotta per anni e non solo in senso archeologico, tra le radici della cultura siciliana e mediterranea in genere, da cui si parte come spunto per arrivare alle tematiche dell'uomo quale entità dell'universo, attraverso l'utilizzo di un linguaggio che non vuole avere né tempo né confini: il linguaggio dell'anima. Isola infatti è la rappresentazione di una terra senza limiti fisici, isola è il mondo, il cosmo, l'uomo, il pensiero… Una coinvolgente esperienza non soltanto sonora, costruita su di un ricco tessuto fatto di ritmi tribali e danze sfrenate, ma anche momenti di dolce raccoglimento, il tutto guidato dalla gestualità teatrale della cantante.
Particolare interesse ha suscitato il concerto intitolato «Note in Chiave Spirituale» che già da alcuni anni il gruppo propone nel periodo invernale, in teatro, in luoghi con forte connotazione storica, tipo castelli, chiostri, cappelle, chiese.
Nella storia del trio c'è la collaborazione di vari musicisti (Fabrizio Destro, Vito Badalà, Antonio Stella, Nino Pettineo) ed oggi la formazione consolidata con Giorgio Di Bella (percussioni batteria), Dario Lisitano (tastiere campionatori) e Luigi Lo Curzio (basso contrabbasso).

Sito ufficiale : http://www.isolamusic.it




Puro "masculu sicilianu"

U masculu sicilianu comu un lupu ti punta
ti vadda pettu, cianchi, e a camminatura
E’ masculu, è masculu, è puru “masculu sicilianu”.
Il masulu sicilianu quann’è ca so fimmina
a mucciuni si gira, non si ’nni fa accorgiti
e comu un fitenti fa finta di nenti
ti lancia n’occhiata ca ti senti spugghiata.
U masculu sicilianu passia di setti e novi
usciatu comu un pauni cull’occhi ’mmaliaturi
picchì è masculu, è masculu, è puru “masculu sicilianu”…
…e vadda, vadda, vadda…
E vadda, vadda, ci piaci vaddari,
e sogna, sogna, cu ranni passiuni,
picchì è masculu, pi tradiziuni!
___________________________________________________________________

Ciano

Scurri, scurri ciumi
scurri ’nfinu o mari
scurri scurri ciumi
scurri ’nta i papiri.
Scurri barca lenta, ’nta l’acqua nira, ferma
sta arrivannu a notti, iddu ’dda t’aspetta…
Dall’acqua nesci nuda, lucenti comu a luna,
scantata cerca l’umbra, l’umbra ’nta i papiri,
amanti ciumi e mari e, quannu a luna è china
si senti ansimari,
si sentunu du vuci ’ntra li ciuri…
Ah! Tocchimi ’cca!
Ah! Strincimi forti!
Ah! Tenimi i mani!
Ah! Non mi lassari!
Ah! Vadda sta luna!
Ah! Strincimi forti!
Ah! Tocchimi ’cca!
___________________________________________________________________

Pensieri

Quante volte andrò l fiume a prendere l’acqua
Quante volte su questo treno penserò al fiume
Quante volte ci saranno le isole sul mare
I miei pensieri scivolano sull’acqua, scorrono come il fiume…
Occhi neri, giornali, odori, solitudine, colori
E ascolto il gioco lento dell’acqua tra i sassi
E ascolto il mio respiro quieto sul fiume
Il mio respiro è quieto sul fiume
Il treno si è fermato
Si è fermato anche il pensiero…
___________________________________________________________________

Mamma li turchi

Li turchi su arrivati alla marina,
pigghia lu turcu ’cca, pigghia lu turcu ’dda,
pigghiulu, pigghiulu, moviti pigghiulu,
arrivunu mamma li turchi!
Sbaccannu ogni ghionnu in Sicilia,
’cchiù di li muschi di li so galeri,
’ffirrannu fimmini e picciriddi,
’ffirrannu robba e i danari,
poi ’nto ’llampu supra li galeri,
pigghiannu la rutta e sparinnu ’nto mari!
Ma quannu li siciliani vonnu riagiri,
su omini forti e di ranni valuri,
accussì finiu, ca li pigghiaru a sti turchi
e ’nni ficiru mossa e pezzettini!
Ma puru si di li turchi si pessi la nomea
Ancora oggi ogni tantu si senti cantari…
___________________________________________________________________

Niru

Sett’anni pi lu maritu,
sei anni pi nu patri,
cinc’anni pi na matri,
sei misi pi nu zitu…
Sett’anni pi lu maritu,
quattr’anni pi nu frati,
quattr’anni pi na soru,
sei misi pi nu zitu…
Luttu ’nta lu cori, niru è u so coluri,
na vita pu figghiu ranni,
tri anni pi nu figghiolu…
U to compagnu era murutu,
morti pi la to’ vita, pi la vita toi,
ca’ facci ianca, ’mpuggiata o muru,
smaniavi, gridavi, chiancivi tu,
“No, non è veru, non poti essiri veru!”
Quannu i chianciru non ci ’a facisti ’cchiù,
strugghisti i capiddi niri tu,
da stanza i lettu niscisti tutta a niru,
niru comu lu to cori è la vesti toi…
…e tutta la vita è niru…
niru comu lu scuru,
scuru è lu misteru,
misteru è la nostra vita…
e tutta la vita è niru!…
___________________________________________________________________

Panagia

Panagia lu pani facia,
passau lu nostru Signuri e ci spiau,
illa ci rispunniu “non su cosi chi riguardinu a ’ttia!”
Lu Signori ci sputau e lu focu si smortau…
Tuttu lu corpu è sputatu, tuttu lu corpu è maniatu,
tuttu nu focu, mi brucia stu sangu,
strichimi, tocchimi, pensici tu!
Lu focu ’nto cori, lu focu ’nta carni,
lu focu ’nto cori, Sant’Antoni!
___________________________________________________________________



Pagina 3 di 5___________________<< 1 2 3 4 5 >>

Lista eventi