Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

giovedì 25 aprile

STATISTICHE

Visitatori : 3147550

Pagine visitate : 86012124

Utenti connessi : 10

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Kunsertu
[ Messina 1976 , 1996 ]


« .... un esempio particolarmente felice di connubio fra sonorità elettriche occidentali, spirito dance atmosfere orientali e esotiche.»
(La Repubblica - 1990) 
« Shams dei Kunsertu è un capolavoro. (...) con loro World Music esce dal fenomeno per entrare in una forma d'arte assoluta dove è impossibile individuare dei confini.»
(TV Radiocorriere - 1990)
«Un album concepito apposta per stimolare i sensi e godere dell'opulenza di melodie ancestrali e dell'esuberante energia di ritmi modernissimi.»
(Rockerilla - 1990) 
«La loro musica è dotata di spiccata personalità, subnito piacevole all'ascolto, con arrangiamenti precisi, puliti, originali.»
(La Stampa - 1989)
« ... La verità è che il nostro paese sta cambiando pelle e KUNSERTU è il più credibile esempio di dance-music popolare dell'Italia multirazziale.»
(Velvet - 1989)

kunsertu Kunsertu sono un gruppo etnico, con elementi siciliani, senegalesi e palestinesi capitanati dai messinesi Giacomo Farina e Nello Mastroeni.
 L'evoluzione del loro stile passa attraverso una prima fase acustica a cui fà seguito l'integrazione di strumenti elettrici ed elettronici in grado di dar vita ad un suono che fonde il linguaggio della musica popolare siciliana e mediorientale con quello del rock, creano un suono unico e difficilmente definibile per il quale la critica ha fatto sforzi inutili parlando di etnorock, etnofunk, tribal-dance, nel tentativo frustrante di contenere in una definizione sintetica uno stile decisamente aperto, nuovo e mediterraneo.  Il risultato è  catturato alla perfezione sia nell'album di debutto, "Kunsertu" (1984), che in quello della consacrazione, "Shams" (1989). La musica dei Kunsertu, quintessenza della "world music" suonata in Italia ed esportata all'estero, porta con sè l'alito caldo e sabbioso dello scirocco... I testi, scritti da Maurizio "Nello" Mastroeni e arrangiati dai Kunsertu, affrontano spesso tematiche legate all'attualità, dalle stragi nei campi profughi palestinesi al dramma dell'emigrazione, ma non disdegnano intermezzi leggeri e romantici.

Componenti del gruppo:

  • PIPPO BARRILE : vox leader
  • ROBERTO DE DOMENICO : percussioni, back vocals
  • GIACOMO FARINA : percussioni,organetto diatonico, back vocals
  • STEFANO FORESTA : sassofoni, flauto, friscalettu, back vocals
  • VINCENZO GANGI : basso elettrico, back vocals
  • MAURIZIO "NELLO" MASTROENI : chitarra elettrica e acustica, back vocals
  • FAISAL TAHER : vox leader

Altri musicisti :

  • Tino Finocchiaro (tastiere)
  • Giorgio Di Bella (Batteria)
  • Arturo Terranova (batteria)
  • Tonino Miano (tastiere)
  • Saro Sorrenti (tromba)
  • Arturo Ferrante (sax)
  • Massimo De Domenico (trombone)
  • Egidio La Gioia (backvocal)
  • Rossana Maccaus (backvocal)
  • Gaetano D'Angelo (sax)
  • Addoullaye Diop (djembe)
  • Gilvain Gomis (backvocal)
  • Corrado "Dado" Sezzi (tabla)
  • Adjasy (backvocal)
  • Pape Mamadou Thiam (backvocal)
  • Licia Mazzamuto (backvocal)

Discografia:

  • 1984 - KUNSERTU
  • 1989 - SHAMS
  • 1992 - ZAMBRA
  • 1994 - FANNAN
DUMA'

Si n'amuri va si n'amuri è
si n'amuri va si n'amuri è
ma chi va' a circa' ma chi vo' truva'
è ianca sta rosa chi tu mi voi rigalà
ma si fu distì lu venniri matì
nun pozzu strinciri ogni ciuri avi li sò spi'
Dumà dumà dumà ma chi va' a circà
Quannu criscirà si nun si firmirà
ranni si farà e si rivotirà
ma si vo' suli stu ciuri lettimi
un ricordu è cchiù bel pi non puncirisi
ma cu 'u pò capì si cca gghiurnò stasi
nun sentu cchiù mali ogni iniziu avi la sò fi'
Dumà dumà dumà ma chi va' a circà
si n'amuri va si n'amuri è
si n'amuri va si n'amuri è
ma chi vo' sapi' ma lu vo' sinti'
ddu prufumu è cchiù forti pi nun scapparisi
ma si fu disti' lu venniri mati'
nun pozzu strinciri ogni ciuri avi li sò spi'
Dumà dumà dumà ma chi va' a circà
___________________________________________________________________

Mokarta

Bella figliola ca' ti chiammi Rosa,
chi bellu nomu mammete t'ha misu
t'ha misu u'nomu bellu di li rosi,
lu megghiu ciuri di lu paradisu
bella figliola ca' ti chiammi Rosa
bella figliola ca' ti chiammi Rosa

Passu di notti e ti salutu strata,
cu na vamp' a lu cori a vuci ardita
pru salutu a tia finestra amata ca dintra c'è na rosa culurita
rosa di chilli rosi ammuttunata,
Rosa hai tinutu 'mperi la me vita
passu di notti e ti salutu strata...

Yu sta canzuni ta lassu stampata, ca dintra c'è na rosa culurita
ti pozzu offriri sulu na cantata, sulu sta vuci mi detti la vita
poeti,sunaturi e stampasanti, campanu sempri poveri e pizzenti
passu di notti e ti salutu strata...

E nesci Rosa tà diri na cosa
E nesci Rosa tà diri na cosa
E nesci Rosa tà diri na cosa, na cosa
E nesci nesci Rosa...
___________________________________________________________________

Metà Africa Metà Europa!

Africa il sole le dune è Africa
lontana ma legata all'america
i riti tribali di stregoni cardinali
di ministri triviali è Africa
Africa terra nera bruciata è Africa
le bombe il sangue è Africa
una mamma che prega un fermo di polizia
uno sparo un ferito è Africa
Africa ma per te che lavori e non ridi
per chi come te più non gioca
questa terra è ancora Europa
Europa le lotte di classe Europa
la difesa del posto Europa
per i tuoi interessi per i figli e noi stessi
per chi c'è e chi è disperso Europa
Africa il mare trasparente è Africa
ma nella storia c'è ancora una svastica
un ricordo preciso qualcuno è stato ucciso
nel cielo nel mare dell'Africa
___________________________________________________________________

Lista eventi