Useronline Insert Failed > Nasce « Revestito » a Messina. Una Rivista on line per tutti. Per tutti coloro che non tollerano più demagogia, privilegio, mistificazioni di poteri grossi o piccoli, che hanno messo alle strette l´umanità, la libertà, e soprattutto la dignità. Revestito ha significato ambivalente: non occorre che sia messo a nudo il re ,per evento eccezionale, affinchè la natura delle cose in qualche misura si disveli. La trasparenza dovrebbe essere alla base di ogni consorzio civile e di ogni Stato di diritto che tale pretenda definirsi.
Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

venerdì 7 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3833800

Pagine visitate : 103800275

Utenti connessi : 28

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Filiberto Ricciardi
[ Messina 15/04/1949 , ]


William RicciardiDopo aver effettualo gli studi classici si iscrive alla facoltà di filosofia. Inizia carriera artistica nell'ambito della musica leggera, alla fine degli anni '60 fondando con altri quattro amici «I Gens», dei quali è la voce solista. In quel periodo si fà chiamare William ed è soprannominato "il baronetto", perchè sempre elegante e raffinato nei modi. Comincia ad usare il suo vero nome solo in occasione della partecipazione de «I Gens» al Festival di Sanremo nel 1970 con «La stagione di un fiore». Subito dopo lo scioglimento de «I Gens» Ricciardi fonda il gruppo de «Gli Opera», con cui partecipa di nuovo a Sanremo nel 1976 cantando il brano «L'ho persa ancora», arrivato nono nella classifica finale. Ma negli anni '80 Filiberto Ricciardi dà una svolta alla sua vita artistica: entra al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano diplomandosi in oboe e avviandosi ad una breve carriera di concertista. Quasi subito, infatti, viene convinto dagli stessi colleghi musicisti a tornare a cantare, ma nella veste di tenore. Di qui e dopo un lungo periodo di preparazione, nasce il Ricciardi tenore, un po' appesantito nel corpo e sicuramente diverso nella voce, che da cantante pop aveva limpida ma "delicata". Torna in sala d'incisione per realizzare diversi cd, tra cui Romanze di F.P.Tosti su liriche di G.D’ Annunzio per la Ducale International, Alter Ego per la Fonit Cetra, Christus di Mendelssohn per la Paros e alcuni brani per la raccolta Melodie Indimenticabili dell’Istituto De Agostini. Per le sue esibizioni attraversa l'Italia e il Giappone, affrontando il pubblico dei maggiori teatri lirici. Ha partecipato a numerose trasmissioni televisive nazionali, sia in Rai che in Mediaset.

UN'ORA INSIEME

L'ora triste della solitudine libero il pensiero non lascia piu';
in un'ora torna la tua immagine, che una luce bianca porto' via da me...
Mi chiedo se un giorno piu' potrai riviverlo anche tu
se i sogni tuoi saranno mai gli stessi che
sapevano di dolci affanni, di tenerezze fatte di anni e
un'ora insieme, la mente torna e resteremo
un'ora insieme, ma per un attimo di ingenua verita';
vivere quell'ora insieme, noi per incanto resteremo un'ora insieme
sei come un'ombra tra il mio sogno e la realta'

Tenera visione di una storia che un ricordo amaro porta con se';
rivivrei soltanto un giorno inutile di un passato spento che fini' con te
Mi chiedo se un giorno piu' potrai riviverlo anche tu
se i sogni tuoi saranno mai gli stessi che
sapevano di dolci affanni, di tenerezze fatte di anni e
un'ora insieme, la mente torna e resteremo
un'ora insieme, ma per un attimo di ingenua verita'

Vivere quell'ora insieme, noi per incanto resteremo un'ora insieme
sei come un'ombra tra il mio sogno e la realta'
Vivere quell'ora insieme, la mente torna e resteremo un'ora insieme
___________________________________________________________________

VESTITA DI BIANCO

Tu, purtroppo, cara, stai dormendo ancora, non ti sveglierai
vestita di bianco, capelli nel vento, rimarrai cosi'
Un gatto randagio ti canta l'amore, rispondigli tu, ascoltalo....
Ma tu profumi ancora di erba fresca e sana come tempo fa
coltiva con cura quell'uva matura, e stringila a te
vestita di bianco, capelli nel vento, rimarrai cosi'

Io non chiedo, non ti chiedo niente, un sorriso puro
suona, suona, suona nella mente quella tua canzone

Chi piu' bella, chi piu' cara no, cara cara cara cara cara cara
chi piu' vera, chi piu' cara no, no cara cara cara cara cara cara
non svegliarti, forse e' troppo presto, non svegliarti

Tu, purtroppo cara stai dormendo ancora, non ti sveglierai
vestita di bianco, capelli nel vento, rimarrai cosi',
rimarrai cosi'
___________________________________________________________________

VORREI DIRTI CHE E' FACILE

Vorrei dirti che e' facile restare al posto mio
che seguiro' le regole perche' ho sbagliato io
Mi piacerebbe crederti lo so che e' una bugia
ma che fatica escluderti da questa vita mia

Il tempo dei giocattoli e' un po' che e' andato via
anche se in fondo all'anima mi tiene compagnia
Pero' si deve crescere, sono cresciuta anch'io
e non e' stato semplice riuscirci a modo mio....

Vivere per vivere lasciarsi e' un brivido
l'amore tuo e' un miracolo, non me lo giochero'
Attento perche' e' fragile, lo sai che si puo' rompere
io lo dovro' proteggere..... da noi

Vorrei dirti che e' facile e che sapro' resistere
guardare quel telefono, e non cercarla io
Se rinunciare e' inutile, sono parole tue,
fai che non sia impossibile la storia di noi due

Vivere per vivere, so che non c'e' un un secolo
quello che c'e' in un attimo vissuto insieme a te
E allora adesso stringimi, son state solo nuvole,
vorrei dirti che e' facile, ricominciamo, stringimi...
dobbiamo solo credere...... in noi
___________________________________________________________________



Pagina 5 di 5___________________<< 1 2 3 4 5

Lista eventi