Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

venerdì 7 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3834105

Pagine visitate : 103806020

Utenti connessi : 29

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Vito Natoli
[ Gioiosa Marea (Messina) 28/09/1951 , ]


Vito NatoliScrive poesie ed è autore di teatro popolare ed è anche pittore.
Ha pubblicato il suo primo libro di poesie in dialetto siciliano "SITI D'AMURI" (Patti, Associazione Beniamino Joppolo, 1998), cui è seguito nel '99 "NATURA. SENTIMENTI E RITAGGHI" (Nicola Calabria Editore, Patti, 1999), "LUNA 'I POETA" (Nicola Calabria Editore, Patti, 2000).
Per il teatro dialettale siciliano ha scritto "U BAGGHIU SPIRITATU" e "'MPANFITI DI PICCIUNA". Nel 2006 ha pubblicato il suo ultimo libro di poesia, il poemetto "NOTE DI VENTO E DI MEMORIA" (Nicola Calabria Editore, Patti, 2006).
Ha pubblicato sul mensile "COMUNITÀ" l'opera teatrale "IL REGNO DEL MELIJUSO ovvero Giujusae d'autri tempi" ispirato al trasferimento degli abitanti dal Monte Melijuso all'attuale Gioiosa Marea.
Ancora nel 2006 ha pubblicato la "suite" poetica "ORA SO CHE È SABATO" sul mensile "COMUNITÀ".
Ha curato diverse presentazioni di mostre di artisti barcellonesi e s'interessa dei giovani poeti dei comprensorio che esordiscono nel campo della poesia.
È presidente dell'Associazione Culturale "ARS VIVENDI".

Per la scrittura poetica dialettale di Vito Natoli
dì Sebastiano Saglibeni

"Il dialetto è come una mammella di una madre a cui tutti hanno succhiato, e ora ci sputano sopra ".
Ritordiamo questa proposizione, astratta da una pagina di quei famosi, giustamente polemici, "Scritti Corsari " di Pier Paolo Pasolini, per la sorte, sempre più incerta, riguardante la continuità della lingua dialettale rispetto a quella d'uso che subiamo inficiata di inaccettabili neologismi.
Nonostanet ciò, ancora si assiste alla proliferazione di poeti che preferiscono esprimersi con il loro dialetto. 'Tra questi, il giovane Vito Natoli  " Egli, nativo di gioiosa Marea, ha prediletto il dialetto come identità e nutrimento per la sua azione poetica Luna ipoeta, una sorta di poemetto, che consta, compreso il prologo, indicato in corsivo, di 25 esigui testi, ritmici e, qua e là, rimati, quasi per caso.
Qui si riscontra certo ricorso alla simbobogia, vis espressiva, equilibrio stilistico e tematico; qui la luna, non più "vergine luna ", gioca un suo ruolo magico: reiteratamente invocata negli incipit dei testi, pare sviluppi per il poeta una varietà di temi, non escluso quello che riguarda la storia complessa dei Barcellonese, area della nostra stupenda, grande e tragica Isola mondo. Viene pure, prima, invocata, nel corsivo- prologo, in soccorso, "la za musa " (la zia musa) che, come una consanguinea rigorista, fa vedere al poeta le stelle in pieno giorno rinfacciandogli sbagli e difetti e lasciandogli nel cuore una luna "chi sbucichìa " (che si dondola). Questa luna ora, invocata, dovrà farsi come prodiga per il poeta: di tanti beni; tra questi, quelli della quiete ulteriore eduniversale e dell'ispirazione poetica. Il poeta ricorda pure alla luna che "'nta lu celu ranni" seminò meravigliosi sospiri; per questo, come, luna in alto, dovrà ora drizzare gli occhi per recare Dio nelle case, là dove manca la pace, là dove il ragazzo, avendo smarrito il cammino del discernimento, si narcotizza con la siringa, (tinennu la zirìnga di vilenu). Ma c'è pure Bisogno di teatro e il poeta to chiede alla luna, per concludere che "sta vita è 'na cutnparsa/e semu tutti in scena" e "la parti cchiu 'imputtaniti/ e chidda cchi lassamu", proposizione ette suona inventiva, latina o intelligibile, in questa lingua.
Infine: si legge bene il testo di chiusura: per il contenuto e l'armonia, dove la luna, implorata per l'ultima volta, dovrà fugare il male, dovrà farlo affondare dove muore il mare ('u mari). Si conclude cosi questa scrittura poetica, indubbiamente, degna tra tanta produzione dialettale di questo fine secolo; e il dialetto, "lingua abietta e buffona ", come l'aveva definito il poeta romanesco Giuseppe Giocchino ''Belli, ha trovato ancora, con Vito Natoli, impiego, suono, generandoci, in qualche modo, il gusto di intenderlo.

Vito Natoli
Vicolo Convento, 10/1
98051 Barcellona Pozzo di Gotto
vitonatoli@vitonatoli.it
www.vitonatoli.it

CHISTA E' GIUJUSA
Chista è Giujusa
ca di d'abbanna 'u ciumi,
a punenti, talìa Pirainu
sinu a mari.
A marina cu' mari scunfina.

A Livanti, 'ill'autru latu,
c'èni Patti cu l'anchi 'nto'n latu,
cu'n tinuti a timpi forti.

A menzu a la Cucuzza,
si apri la bisazza,
unni si vaci
grandiusu si trova,
comu 'nta vecchia
puru 'nta nova.

China di ruzzuluna
e di vadduna
china d'alastri
e china di rozza,
china di taliati
di fimmini gilusi di razza,
chista è Giujusa:
chi giujusu si nasci
e giujusu si mori.
___________________________________________________________________

Lena 'i pueta si' 'na fintizza

Ora la cira cula,
li frunti su' citati
chi puma a pinzuluni.
Paremu pagghiacci
chi facci 'mbarsamati
'mpinrtuti arreri a li barcunati.
___________________________________________________________________

Luna ‘i pueta
dammi lu tiatru


Semu pagghiacci 'mbarsamati,
nesci la cumparsa e jnchi 'u tiatru;
quannu e' chinu tutti facemu scena,
'A scena è nu personaggiu
chi dura picca
e mentri gudemu
e ridemu
t'accorgi chi canciau.
Cerchi la fiura
la teni 'nta la menti,
ti pari ca la vidi,
ma lu spittaculu llistìu.
'Sta vita è 'na cumparsa
e semu tutti in scena,
la parti cchiù 'mpurtanti
è chidda cchi lassamu.
Lacrimami l'occhi
pi' dari pinitenzi
e nostri beddi facci
chi si talianu 'n frunti
quannu sunnu cirati.
Da li frunti chi vardamu
nesciunu paroli
chi tutti nni’ scurdamu
chiudennu lu sipariu.
N-ni’ resta 'na specia 'i musica,
la vulissimu ricurdari
sempri cu' tutti li smorfi
chi a 'mmucciuni ripeti la luna.
___________________________________________________________________

MISERIA O PICCA 'RAZIONI

Chistu diceva lu patri quannu lu visti chi
parrava a Rocca 'i Corbu:
"Cira chi squagghi, sivu ti facisti!",
io ti travagghiai e tu furma pigghiasti;
japristi 'a vucca e mi ridisti,
quannu 'na testa d'erica scippasti,
la testa rideva ca di lu preju
accussì la morti alluntanasti.
Supra la Rocca 'i Corbu mi lassasti,
cun mazzu 'i frasca a spadda, mi dicisti:
"Ligna pu furnu, portili a casa! ".
Si mortu 'i friddu senza scarpi e pedi,
ti visti chi parravi a Rocca 'i Corbu,
mentri 'naceddu vulava a mari.
E strada fici cu 'ddu mazzu i frasca,
cu ditti giujusani di l'invernu.
Acqua di mari arricampa 'nvernu,
na vota l'annu s'intramisca 'ufunnu,
dormunu arbiri e sarmenti,
a troppa sonnu nun ponnu stari;
li fogghi 'nterra sunna gialla mantu,
'nta li majsi pari fanghiari,
irbitta tennira jnchi virina a pecura
chi l'agnidduzzu ama ammazzari...

Cu 'stu sicilianu lentu 'i corda,
chi dura diventa si si bagna,
sicilianu sugnu a la castagna,
sicilianu sugnu a la Martogghiu,
pastusa lingua masticu e tagghiu,
a me Giujusa mi desi la megghiu,
stricata casa casa cu sali e l'ogghiu,
cunzata a la nustrali cu lu sarmurigghiu,
pari "Cintuna" ca guverna 'u 'ranni atturi,
ca 'ntà li nostri casi avissi a stari...
Culostru bivu, sangu di la matri,
jò bippi a quindici anni,
quannu "vucava 'u marunaru ",
e me patri cantava 'sti canzuni,
liggiu U Baruni 'i Ruvulitu,
mittennu sali e ogghiu e lu nasu ti tagghiu,
purtannuli a rimunnari o cantu di 'livari.
I mè libri erunu comu fauci a tagghiari.
Ma si 'nu sceccu ragghia,
lu travagghiu nun quagghia.
Sceccu chi ragghia, eira chi squagghia,
sceccu chi ragghia voli 'u fenu,
nun mancia pagghia...
Mazzacanagghia, rasagghia,
ntè sarauli, carriava...

Omini cu ciappi 'i tonu,
cantuneri 'i bucu,
supra li spaddi purtavanu.
A lu bisolu ca testa 'nfasciata,
cu pezzi 'i sambucu,
p'alligiriri lu mali 'i stagiuni
du suli 'i travagghiu.
Lu nannu cuntava i viaggi
du sceccu e di l'omini.
Cira squagghia,
pagghia a Lipari non arrivava,
u suli codda e travagghiu non si nni vidi
___________________________________________________________________

CANZUNI

Si 'a genti a Ciappi 'i Tonu sta cantannu,
ci portu 'nu marranzanu du sonu eternu.
Nneo, nneo, nneo, nneo-nneo,
fici 'na canzuna cu versu du marranzanu...
Chi cordi di lu ciatu
'sta genti l'ha cantatu...
Fici 'na canzuna sunannu 'u friscalettu,
scavannu intra 'u pettu 'na sirinata fici.
Scavannu 'ntè ricordi,
e ricugghiennu cinniri,
oramai su scurdati li vecchi zappaturi,
spaddazzi arrussicati, mustazzi arrugginiti,
cu 'ddu tabaccu 'i nasu facevanu fetu e fumu.
Cu manazzi duri, cu 'ddi vinazzi 'rossi,
'ddi facciazzi bruciati,
piscistocchi sicchi comu ficarazzi appinnuti,
lu tempu l'arricoti...
'Na sirinata fici, cun friscalettu friscu,
lu marranzanu sonu,
cantannu pi 'sta genti
chiamata 'i Ciappi 'i Tonu.

E si canzuna da genti,
una ci nn'era, pi Bastrima a lavari.
Canzuna da menti una ci nn'era
pi Bastrima a lavari...
"Portila 'ntesta, tenila ritta,
na fari rumpiri, è biniditta!"
'A gibbia è curma,
ca sapunata 'i mari,
cinniri a moddu,
robbi a lavari.

Vistineddi longhi,
petti 'ntrusciati,
manichi arricoti.

Bumbuleddi e quartari,
bagnaroli a migghiara,
cannistri cu pezzi 'i linu...
Acqua Bastramota, leva 'a siti,
siti leva e campagnoli.
Canzuna da genti
chi lu tempu l'arricoti.
___________________________________________________________________

Lista eventi