Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

sabato 10 dicembre

STATISTICHE

Visitatori : 3895756

Pagine visitate : 104601661

Utenti connessi : 54

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Nello Cassata
[ Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 06/04/1913 , Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 1973 ]


onseguita la maturità classica, studia giurisprudenza all’Università di Messina. Suo docente di diritto e procedura penale è l'ex Presidente della Repubblica Giovanni Leone. Si laurea nel 1938 con una tesi su "Il diritto delle minoranze e la società delle nazioni". Inizia a svolgere la libera professione, ma chiamato a servire la Patria in armi, lascia la moglie ed i figli, ancora in tenera età, per andare sul fronte sul fronte d’Albania e di Sicilia, col grado di sottotenente.
Catturato dagli inglesi e rinchiuso nel campo di Priolo (Siracusa), riesce ad evadere avventurosamente e a raggiungere i suoi cari nel novembre del 1943.
opo la fine del conflitto mondiale si dedica alla libera professione e collabora con numerosi giornali. Tra il 1947 e il 1949 è corrispondente del «Giornale della Sera», e negli anni 60 lo è per la «Tribuna del Mezzogiorno» e «Gazzetta del Sud». Nominato, prima, «Assessore alla Pubblica Istruzione», nel 1956 entra a far parte dell'Ufficio Legale della Provincia .
La sua città natale gli ha dedicato un monumento, inaugurato il 26 aprile 1998 nella centralissima piazza Duomo.
È autore di racconti ( Il Labirinto, L'odore del mosto, L'isola sommersa, Il Vecchio), di poesie in vernacolo (Aranciu amaru) ed in lingua (Ascolta fratello), di una raccolta di Modi di dire e proverbi barcellonesi, nonché di una Storia di Barcellona nel Risorgimento, e di una seconda su Barcellona dal 1890 ai nostri giorni.

Racconti:

  • "Il labirinto"
  • "L'odore del mosto"
  • "La mia Preistoria"
  • "L'isola sommersa"
  • "II vecchio"

 

  • Barcellona Pozzo di Gotto nel Risorgimento;
  • Barcellona Pozzo di Gotto dal 1860 ai giorni nostri (1970);

Poesie:

  • Peppa 'a cannunera-Puemettu risurgimintali
  • Aranciu amaru
  • Suggetti paisani
  • 'U vennadì 'ssantu a Baccialona
  • Santa Vennera a Rutta
  • "Ascolta, fratello".
  • "Modi di dire e proverbi barcellonesi".
FABBRICA

Dicisti basta ccu la maliditta
terra chi mi suga 'u sangu.
Partisti e mancu ti vutasti
arreti: undi ciancianu
to' matri e to' patri.
Ti stittirrò 'u cori
'a cita china di fabbrichi.
Ti tamburia ntà testa
'u rumuru da catina.
Dù cocciu da sumenza
nascìu un garonfulu;
'a to' zita 'u mbivira
ccu lacrimi.
Chi fa', ritorni?
___________________________________________________________________

NOVARA

Forse che busso invano alla tua porta,
sicula Novara, per aprire il cuore
all'ombra scura delle tue querci,
ovvero salgo il Pizzo Salvatesta
per indorare i miei capelli bianchi
ai forti miti dell'età tua prima?
Risponde l'eco delle tue campane
che soffia il vento verso la marina,
ov'io seggo pensoso, innamorato,
con la bocca dolce del tuo rosolio
nell'antico caffè della piazzetta
che cova l'ombra della mia memoria.
Ancor oggi, verrò (ma non più quello)
pellegrino dolente, a spargere
rugiada viva sulle speranze
che rinverdiscono ad ogni primavera.
Amico volto mi farà da specchio
per contare le rughe dell'attesa
che il tempo scava nella dura roccia.
Sfavilla il sole al bronzo dell'Artista,
fiammeggia il sole al marmo del tuo Eroe,
sempre fedele alla grande festa
che chiama i figli dai lontani lidi.
Ti prego, non ridere svogliata
come disciolta nebbia nella valle;
non essere crudele, anche se il cuore
t'hanno aggredito i nuovi saraceni.
Io non t'amo per dote, ma perchè bella
si erge la Rocca, aperta ai mondi
infiniti delle stelle ed è granito
il tuo volere tra le alpestri rupi.
Or che l'afoso mondo del petrolio
violenta il cielo della mia Sicilia,
Tu dici: - "vieni, amante della pace,
tra le mie braccia ossigenate e pure ".

___________________________________________________________________

BUMBARDAMENTI DU 1943
(jastimi di populana)


Cu' dici "guerra" mi ll'havi è so' casi,
supr'è so' carni, spirarmi a ddu Diu;
genti nnuccenti chi non cci trasi,
sutta li bummi la vita pirdiu.

Sangu si mancia, sangu si mbivi,
si nsonna sangu, firuti, lamenti,
d'un tozzu 'i pani ndi semu privi,
campamu 'i scantu, fami, stenti.

Ddu sonu di sirena chi cutturiu,
vecchi, carusi cu' cci havi a pinsari;
passunu aceddi di malauguriu,
non cc'è riparu, undi nn'hàmu a mucciari.

Signuri misiricordia! riturnaru.
Signuri misiricordia! 'i jttaru.
Signuri misiricordia! bumbardaru.
Signuri vi 'ndi ringraziu, si nn'andaru.
___________________________________________________________________

L'OCCHI

L'occhi, mariola, l'occhi sissignuri,
'a prima cosa sunnu chisti ddocu,
grandi, birbanti, scuri scuri,
parrunu suli, sbampunu lu focu.

L'anima to' gintili trova locu
ntra sti finestri, trappula d'amuri;
i voti e giri, comu fussi 'n giocu,
e li pupiddi canciunu culuri.

Occhi siciliani, acquamarina,
funtana di lacrimi e suspiri,
aprunu 'u celu di prima matina.

Ridunu poi... perciò valli a capiri,
si sunnu libbirtà, si su' catina,
si dannu gioì o peni a non finiri.
___________________________________________________________________



Pagina 4 di 4___________________<< 1 2 3 4

Lista eventi