Useronline Insert Failed > Nasce « Revestito » a Messina. Una Rivista on line per tutti. Per tutti coloro che non tollerano più demagogia, privilegio, mistificazioni di poteri grossi o piccoli, che hanno messo alle strette l´umanità, la libertà, e soprattutto la dignità. Revestito ha significato ambivalente: non occorre che sia messo a nudo il re ,per evento eccezionale, affinchè la natura delle cose in qualche misura si disveli. La trasparenza dovrebbe essere alla base di ogni consorzio civile e di ogni Stato di diritto che tale pretenda definirsi.
Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

sabato 2 luglio

STATISTICHE

Visitatori : 3777540

Pagine visitate : 102376663

Utenti connessi : 33

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Nello Cassata
[ Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 06/04/1913 , Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 1973 ]


onseguita la maturità classica, studia giurisprudenza all’Università di Messina. Suo docente di diritto e procedura penale è l'ex Presidente della Repubblica Giovanni Leone. Si laurea nel 1938 con una tesi su "Il diritto delle minoranze e la società delle nazioni". Inizia a svolgere la libera professione, ma chiamato a servire la Patria in armi, lascia la moglie ed i figli, ancora in tenera età, per andare sul fronte sul fronte d’Albania e di Sicilia, col grado di sottotenente.
Catturato dagli inglesi e rinchiuso nel campo di Priolo (Siracusa), riesce ad evadere avventurosamente e a raggiungere i suoi cari nel novembre del 1943.
opo la fine del conflitto mondiale si dedica alla libera professione e collabora con numerosi giornali. Tra il 1947 e il 1949 è corrispondente del «Giornale della Sera», e negli anni 60 lo è per la «Tribuna del Mezzogiorno» e «Gazzetta del Sud». Nominato, prima, «Assessore alla Pubblica Istruzione», nel 1956 entra a far parte dell'Ufficio Legale della Provincia .
La sua città natale gli ha dedicato un monumento, inaugurato il 26 aprile 1998 nella centralissima piazza Duomo.
È autore di racconti ( Il Labirinto, L'odore del mosto, L'isola sommersa, Il Vecchio), di poesie in vernacolo (Aranciu amaru) ed in lingua (Ascolta fratello), di una raccolta di Modi di dire e proverbi barcellonesi, nonché di una Storia di Barcellona nel Risorgimento, e di una seconda su Barcellona dal 1890 ai nostri giorni.

Racconti:

  • "Il labirinto"
  • "L'odore del mosto"
  • "La mia Preistoria"
  • "L'isola sommersa"
  • "II vecchio"

 

  • Barcellona Pozzo di Gotto nel Risorgimento;
  • Barcellona Pozzo di Gotto dal 1860 ai giorni nostri (1970);

Poesie:

  • Peppa 'a cannunera-Puemettu risurgimintali
  • Aranciu amaru
  • Suggetti paisani
  • 'U vennadì 'ssantu a Baccialona
  • Santa Vennera a Rutta
  • "Ascolta, fratello".
  • "Modi di dire e proverbi barcellonesi".
'A BRUTTA

Avogghia mi ti pari ntò baccuni,
spittandu spiranzusa a cu' non veni;
non ti bastunu robba e miliuni
ch'a to' bruttizza cu' la vidi sveni.

Sì, lu dinaru è forza di stu munnu
e 'u cori 'ill'omu nta lu pugnu teni,
ma i to' bruttizzi tanti e tali sunnu,
ch'amara si ti vidunu li preni.

Forsi ntó cori to' canta l'amuri,
ch'u cori è 'u stissu pi beddi e pi brutti,
ma vosi lu distinu tradituri

fariti 'u jimmu cu li jambi cutti,
'na gran funciazza, gialunu culuri,
l'occhi micciusi e li dintazzi rutti.
___________________________________________________________________

A MICHELI STILU

Quali dimoniu ti cumpariu di notti,
cu' fu stu bruttu bestia tintaturi
chi canciari 'n focu la to' menti potti
p'anticu dramma e tragicu fururi?

Si travistiu di fimmina, pi sotti,
stu cìfuru d'infernu incantaturi?
E tu, chi sini facili a li cotti,
cadisti ntra li soi riti d'amuri.

L'arma nvasata non ti desi paci,
fujsti a lu Tundàru e cci dicisti:
- Sblgghia, Tiatru Grecu, ccà cc'è Aiaci!

E ti finiu com'a tant'autri cristi,
picchi cu' a muli fàusi beni faci,
cci mpizza mulù, barduni e crapisti.
___________________________________________________________________

E PEDI O CASTRU

Semu nta 'na cunchitta riparata,
e pedi ó Castru tutta rridduciuta,
àbbiri, ciuri, sudda spampanata;
a maggiu cci la faci la chiuvuta.

St'acqua chi cadi pari 'na cianciuta
di lacrimi di gioia accumpagnata.
Chi bedda rosa di friscu cugghiuta,
ntò menzu di la tavula cunsata!

Scurdamundi p'un ghiornu li pinseri;
lu cantu nesci sulu e suprania,
lu girasolu sprenni ntó biccheri.

Lassamu andari la malincunia,
apremu 'u ballu ccu li mitateri,
mulàmundi li jambi in allegria.
___________________________________________________________________

UCCHIATEDDA DI SULI

Ucchiatedda di lu suli
chi nesci di li negghi,
sa godi l'erba
bagnata d'acquazzina,
i canali mmuffuti,
i pali da luci,
'na lucittedda,
un vecchiu avanti 'a porta.
Ciuciulìunu ntà jaggia
batuffuleddi 'i cuttuni
spusu culuratu:
'a ciocca 'i ridduci
sutt' all'ali.
D'un purtusu
un passaru affacciatu,
si scutulia 'u friddu,
si pulizia, bola,
canta, si posa
supr'ó sciuttu,
pizzulia fistusu;
i carusi giocunu,
'u carrettu parti,
pi sti strati strati.
___________________________________________________________________

LA PARABULA DI MENENIU AGRIPPA

Cci dissi 'u capitali a lu travagghiu:
- Sugnu io chi ti mantegnu, si no sbagghiu. -
Rispusi lu travagghiu ò capitali:
- Di faticari a mia cu' ma fa fari?
Datu chi mi manteni io mi la spassu
e dù travagghiu mi la fazzu arrassu. -
- Scattru - cci dissi allura 'u capitali -
chi mi pigghi pi fissa, pi nnimali?
Io ti mantegnu si, ma tu m'ha' dari
'u ciatu e lu suduri: l'ha' travagghiari.
Nnunca - cci dissi allura lu travagghiu -
ora mi fermu e accussi ti stagghiu. -
- Fermiti, fermiti, chi già sentu i sbrami
di to' mugghieri chi mori da fami. -
- E tu, chi senza mia ndi resti sulu,
teniti i soddi e schiaffitilli 'n culu. -
- Sta' attentu comu parri, fitinzia,
mettiti sull'attenti avanti a mia. -
Botta e risposta, prestu s'affirraru
e all'urbisca coppa si chiantaru.
Passò di ddà Bonsensu e li spartiu,
dicendu: - Ma chi è stu gran schifiu?
Mi meravigghiu ch'ancora non capiti
chi pi campari hàt'andari uniti.
Ccu giustizia, ccu amuri, ccu sennu,
si pò giustari stu conflittu eternu. -
___________________________________________________________________

E DOPPU?...

Doppu la luna
cu' sapi l'ornu undi jetta
l'àncuri,
pisci d'aria chi nnata
mmenzu è stiddi.
Di ddassupra sta terra
cci pari un cocciu 'i rina.
E nchiana iautu
undi lu iautu non finisci
mai.
Portiti, omu, sumenza di ranu,
portiti, omu, sumenza di ciuri,
pi ricordu, pi ciaru, p'amuri.
___________________________________________________________________



Pagina 3 di 4___________________<< 1 2 3 4 >>

Lista eventi