Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

domenica 4 dicembre

STATISTICHE

Visitatori : 3875246

Pagine visitate : 104507816

Utenti connessi : 37

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Nello Cassata
[ Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 06/04/1913 , Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 1973 ]


onseguita la maturità classica, studia giurisprudenza all’Università di Messina. Suo docente di diritto e procedura penale è l'ex Presidente della Repubblica Giovanni Leone. Si laurea nel 1938 con una tesi su "Il diritto delle minoranze e la società delle nazioni". Inizia a svolgere la libera professione, ma chiamato a servire la Patria in armi, lascia la moglie ed i figli, ancora in tenera età, per andare sul fronte sul fronte d’Albania e di Sicilia, col grado di sottotenente.
Catturato dagli inglesi e rinchiuso nel campo di Priolo (Siracusa), riesce ad evadere avventurosamente e a raggiungere i suoi cari nel novembre del 1943.
opo la fine del conflitto mondiale si dedica alla libera professione e collabora con numerosi giornali. Tra il 1947 e il 1949 è corrispondente del «Giornale della Sera», e negli anni 60 lo è per la «Tribuna del Mezzogiorno» e «Gazzetta del Sud». Nominato, prima, «Assessore alla Pubblica Istruzione», nel 1956 entra a far parte dell'Ufficio Legale della Provincia .
La sua città natale gli ha dedicato un monumento, inaugurato il 26 aprile 1998 nella centralissima piazza Duomo.
È autore di racconti ( Il Labirinto, L'odore del mosto, L'isola sommersa, Il Vecchio), di poesie in vernacolo (Aranciu amaru) ed in lingua (Ascolta fratello), di una raccolta di Modi di dire e proverbi barcellonesi, nonché di una Storia di Barcellona nel Risorgimento, e di una seconda su Barcellona dal 1890 ai nostri giorni.

Racconti:

  • "Il labirinto"
  • "L'odore del mosto"
  • "La mia Preistoria"
  • "L'isola sommersa"
  • "II vecchio"

 

  • Barcellona Pozzo di Gotto nel Risorgimento;
  • Barcellona Pozzo di Gotto dal 1860 ai giorni nostri (1970);

Poesie:

  • Peppa 'a cannunera-Puemettu risurgimintali
  • Aranciu amaru
  • Suggetti paisani
  • 'U vennadì 'ssantu a Baccialona
  • Santa Vennera a Rutta
  • "Ascolta, fratello".
  • "Modi di dire e proverbi barcellonesi".
CURAGGIU, SICILIANI!

Curaggiu, siciliani,
non semu cchiù pizzenti,
strincemundi li mani,
niscemmu di li stenti!

A Ragusa,
scavannu purtusa,
nesci 'u gasoliu,
schiccia 'u pitroliu!

Curaggiu, siciliani,
dicemmuccillu è genti:
truvammu 'u nostru pani
e soddi a bastimenti!

Cchiù ccavia
vicinu a Bafia,
mmucciatu è un tesoru
d'argentu e d'oru!

Curaggiu, siciliani,
jttammu li pidocchi;
ora l'amiricani
mi chiantunu finocchi!

Abbassu l'angustii,
avemu l'industrii,
fineru li mali
du sùffuru e dù sali.
___________________________________________________________________

PANI E SULI

Lentu parti 'u vapuri,
si sciogghi da banchina;
chi vista, chi splenduri
stu suli di Missina!

'U celu si cunfundi
ccà luci di lu mari,
e duci duci l'undi
stannu a trimuliari.

Ma sunnu fogghi morti
i cori di sta genti;
sempri la stissa sorti
di fami e patimenti.

Ddassupra da banchina,
lacrimi e fazzuletti;
si spezza 'na catina
di li cchiù forti affetti.

Sunnu siciliani
chi vannu a la strania,
'n cerca d'un tozzu 'i pani
fannu luntana via.

Intantu attracca genti,
diretta a Taurmina:
- Okei, com'è accuglienti
'u suli 'i sta marina! -

___________________________________________________________________

VINCIU 'U SUL!

Forza, picciotti,
mparati i mani,
cci nn'è pi tutti
suli sta jurnata.
Non v'affuddati,
non vi sciarriati
chi non finisci:
è suli e non è pani.
Allegramenti, genti,
mparati sacchi,
inchiti casci, giarri,
magazzeni, a carca e menti.
Quant'è sta rota 'n celu!
La durlindana di la nos'tra terra,
la spada domaschina chi gira 'n tundu,
russa, nfucata, raggiata,
d'amuri e gilusia.
Cummògghia Muncibeddu,
ruzzulia pà chiana,
scìddica pà chiana,
scìddica supr'ó mari di Missina,
si jetta arreti munti Pilligrinu.
Cummògghia puru lacrimi e pinseri,
stenti e suduri,
e tuttu 'u mundu è pani.
'A sintiti sta musica d'aceddi,
d'arriddi, di cicali?
Briscìu stamatina stu cuncertu,
ntè ranciari, vigni, livari,
boschi, vadduni e timpi,
nsèmula ò cantu di lu carritteri,
pi fari festa ò suli.
___________________________________________________________________

MATRI TERRA

A tia riturnamu, matri terra,
figghi pintuti, figghi ntussicati.
Aprindi li brazza, randi matri,
fommu lijati a machini maligni
'n nomu di 'na fausa civiltà.
Ristorinni, suli, l'occhi nfummicati,
rinfrischini, celu, i prummuni nvilinati,
cammini, aceddu, li nervi spizzati,
l'aricchi di rumuri martiddiati.
O matri terra,
ma comu ti pòttumu lassari.
Ndi prumitteru, matri, mari e munti,
e vadda, matri, undi semu junti!
___________________________________________________________________

CARRETTO SFASCIATO


Sentu miolu cianciri
ntra l'assu sbucalatu
d'un carrettu,
ntè strati da me' terra.
Cu' sapi quantu havi caminatu?
Sentu ciusciari
scutuluni di mulu,
campaneddi ciaccati,
accumpagnari vuci ncatarruta
di carritteri
lamintusu e stancu.
Sentu chi s'alluntana
ntà vutata,
pù sapi undi.
Iammozza laschi,
cunsuntuti,
ciancianeddi surdi,
coppa di zotta
senza scurriatu...
___________________________________________________________________

'A BEDDA

Vampa ch'addumi, sì fimmina bedda,
chi quandu passi dai lu batticori;
non cc'è pirsuna chi 'na baciatedda
non tà daria ccu tuttu lu cori.

Tu ti nn'accorgi e fai 'na risatedda,
cumpiaciuta di li toi tisori;
la bucca russa e li to' fussittedda
fannu scurdari puru chi si mori.

Fatta ccu turnu, li capiddi ò ventu,
a bedda jamma com'unda marina
avanza ccu grazia e purtamentu.

Sini la vita, 'a gioia, sì turmentu,
sini la miravigghia cchiù divina,
rianima chi l'omu coci a focu lentu.
___________________________________________________________________



Pagina 2 di 4___________________<< 1 2 3 4 >>

Lista eventi