Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

giovedì 21 febbraio

STATISTICHE

Visitatori : 3106992

Pagine visitate : 85237189

Utenti connessi : 40

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Nello Cassata
[ Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 06/04/1913 , Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 1973 ]


onseguita la maturità classica, studia giurisprudenza all’Università di Messina. Suo docente di diritto e procedura penale è l'ex Presidente della Repubblica Giovanni Leone. Si laurea nel 1938 con una tesi su "Il diritto delle minoranze e la società delle nazioni". Inizia a svolgere la libera professione, ma chiamato a servire la Patria in armi, lascia la moglie ed i figli, ancora in tenera età, per andare sul fronte sul fronte d’Albania e di Sicilia, col grado di sottotenente.
Catturato dagli inglesi e rinchiuso nel campo di Priolo (Siracusa), riesce ad evadere avventurosamente e a raggiungere i suoi cari nel novembre del 1943.
opo la fine del conflitto mondiale si dedica alla libera professione e collabora con numerosi giornali. Tra il 1947 e il 1949 è corrispondente del «Giornale della Sera», e negli anni 60 lo è per la «Tribuna del Mezzogiorno» e «Gazzetta del Sud». Nominato, prima, «Assessore alla Pubblica Istruzione», nel 1956 entra a far parte dell'Ufficio Legale della Provincia .
La sua città natale gli ha dedicato un monumento, inaugurato il 26 aprile 1998 nella centralissima piazza Duomo.
È autore di racconti ( Il Labirinto, L'odore del mosto, L'isola sommersa, Il Vecchio), di poesie in vernacolo (Aranciu amaru) ed in lingua (Ascolta fratello), di una raccolta di Modi di dire e proverbi barcellonesi, nonché di una Storia di Barcellona nel Risorgimento, e di una seconda su Barcellona dal 1890 ai nostri giorni.

Racconti:

  • "Il labirinto"
  • "L'odore del mosto"
  • "La mia Preistoria"
  • "L'isola sommersa"
  • "II vecchio"

 

  • Barcellona Pozzo di Gotto nel Risorgimento;
  • Barcellona Pozzo di Gotto dal 1860 ai giorni nostri (1970);

Poesie:

  • Peppa 'a cannunera-Puemettu risurgimintali
  • Aranciu amaru
  • Suggetti paisani
  • 'U vennadì 'ssantu a Baccialona
  • Santa Vennera a Rutta
  • "Ascolta, fratello".
  • "Modi di dire e proverbi barcellonesi".
PEPPA SPARACANNUNI

Peppa, a ddi tempi cc'un coppu 'i cannuni,
ccu 'na simplici badda cungignata,
facisti scappari li burbuni
e fusti l'eruina 'i dda jurnata.

Ora dda badda veni cunsirvata,
'n Catania ó Museu dù Comuni,
ricorda lu rumuru e la fumata
chi fannu ó jocu-focu i masculuni.

Si tu turnassi a fari l'eruina,
doppu cent'anni di dda vecchia storia,
autru chi baddi e chiummu a la ruvina...

Cosi di fari trimari li coria:
l'atomica a Nagasachi e Iruscima,
chista sarria la to' nova gloria!
___________________________________________________________________

ARANCIU AMARU

Pari stu mundu
'n aranciu amaru:
l'omu su cogghi
ma 'u palataru
cci resta veru
zzaggariatu.

A picca a picca
cci fa lu gustu:
'u va truvandu amaru e duci;
murmuriandu
si porta 'a cruci.

Poi pù caminu
si fa pisanti;
murmuriandu
arranca avanti:
'a vita è bedda,
e lassa sempri
'na sciangazzedda.

Distinu 'ill'omu:
si cutturìa
ma non s'arrendi,
cerca lu nnestu
pi fari duci
st'aranciu arestu.
___________________________________________________________________

'A TERRA CHI MI FICI

Lu mundu è chinu di biddizzi rari
chi lu Signuri fici a profusioni,
e l'omu doppu 'u seppi circundari
di tutti li cchiù beddi invenzioni.

Pi chistu 'u mundu lu vurria girari
di longu e largu in tutti li so' zoni,
ma poi vurria l'ali e riturnari
ttaccatu comu sugnu a li me' ngoni.

Chi s'iddu partu lu me' cori resta
a stu pezzu di terra chi mi fici,
a lu cunfruntu nica e assai mudesta.

E mentri su' ntó megghiu di la festa,
sentu 'na vuci 'n pettu chi mi dici:
ritorna, lupu 'i tana, a to' furesta.
___________________________________________________________________

'U ME' SENSU

Pi sentiri cchiù forti lu sapuri
di sta me' terra e 'u ciaru dì ranciari,
pi mi ristari nta l'occhi i culuri
di sta campagna, stu celu, stu mari,

p'aviri sempri ntè ricchi 'u parrari
di gioì, di spiranzi, di duluri,
pi mi vuliri inchiri, sazziari,
l'anima 'i luci e daricci caluri,

scrissi sti versi mei 'n sicilianu,
scigghì sti ciuri e spini pi caminu,
e fu lu cori chi spincìu la manu.

Ora vi lassù a lu vostru distinu,
ciuri ricoti nta stu chianu chianu,
di sta me' terra ch'eni 'nu giardinu.
___________________________________________________________________

'A VERA BIDDIZZA





Sì, cci nni sunnu assai fimmini beddi,
chi parunu daveru fatti a manu,
oggi la moda 'i voli rutundeddi,
ccu tuttu 'u capitali misu nchianu.

Megghiu si sannu nnacari li ffeddi,
ballari 'u "rocchi", parrari rumanu,
cantari lamintusi o sguaiateddi,
addiventunu stiddi 'i primu pianu.

Ma quantu vali 'na centinivota,
limpida comu l'acqua di lu munti,
frisca comu 'na puma rossa e dura!

Quandu 'sta bedda figghia va a la cota,
lu suli cci fa lluciri la frunti,
cantunu aceddi e l'aria si vota.
___________________________________________________________________

'U CARRETTU SICILIANU

Ch'è beddu lu carrettu sicilianu!
Pezzu pi pezzu è jocu 'i fantasia
d'un ginirusu e nobbili artigianu,
chi ntò misteri 'u cori cci mittia.

E lu pitturi mentri dipincìa
'a guerra 'i Carlu Magnu cristianu,
cci misi tanta e tali maistria,
chi ccu 'na spata si puncìu 'na manu.

Nisceru i roti megghiu di 'na sfera,
e nnamuraru ón baiu malandrinu,
mbradatu a festa ccu la sunagghiera.

I varnamenta sunnu d'oru finu,
sprennunu lu pinnacchiu e la tistera,
e d'unni passa, passa un figurinu.
___________________________________________________________________



Pagina 1 di 4___________________1 2 3 4 >>

Lista eventi