Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

sabato 8 agosto

STATISTICHE

Visitatori : 3432307

Pagine visitate : 91182500

Utenti connessi : 26

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Stefano Protonotaro
[ Messina 1200 , ]


Si ipotizza che si tratti di un certo Stefano da Messina, da identificare con un personaggio nominato in un documento del 1261, e in un altro, postumo, del 1301.
Tradusse dal greco in latino due opere arabe: «Il libro delle rivoluzioni» (Liber rivolutionum) e «I fiori di astronomia» (Flores astronomiae), entrambi dedicati a Re Manfredi.
Delle tre canzoni che ci restano di lui, la più interessante è «Pir meu cori alligrari», è l'unico componimento della scuola siciliana pervenutoci nella sua veste linguistica originaria, e cioè in siciliano antico, o meglio, in «siciliano illustre» o letterario. Mentre, infatti, le poesie dei Siciliani, sono giunte a noi attraverso trascrizioni di copisti toscani, che ne hanno adattato le parole alla propria pronunzia e al proprio uso linguistico.

Assai mi placeria

Assai mi placeria
se zo fosse ch'Amore
avesse in sè sentore
di 'ntendere e d'audire:
ch'eo li rimembreria,
como fa servidore
per fiate a suo segnore,
meo luntano servire;
e fariali a savire
lo mal di ch'eo non m'oso lamentare
a quella che 'l meo cor non pò ubriare.
M'Amor non veo, e de lei so temente,
per che meo male adesso è plu pungente.
Amor sempre mi vede
ed àmi in suo podire,
m'eo non posso vedire
sua propia figura.
M'eo so ben di tal fede,
poi c'Amor pò ferire,
che ben pote guarire
secondo sua natura.
Zo è che m'asigura,
per ch'eo mi dono a la sua volontate
como cervo cacciato, mante fiate,
che, quando l'omo li crida plu forte,
torna ver lui non dubitando morte.
Non deveria dottare
d'Amor veracemente,
poi liale ubidente
li fu da quello giorno
che mi seppe mostrare
la gioi che sempre ò 'n mente,
che m'à distrettamente
tutto ligato intorno,
come fa l'unicorno
d'una pulzella vergine dorata,
ch'è da li cacciatori amaistrata,
de la qual dolzemente si 'nnamura,
sì che lo liga e quegli no nde cura.
Poi che m'appe ligato,
isò gli ocli e sorrise,
sì c'a morte mi mise,
come lo badalisco
c'ancide che gli è dato;
cum soi ogli m'ancise!
La mia mort' è cortise
ch'eo moro e poi rivisco,
Oy Deo, che forte visco
mi par che s[i] sia [a]preso a le mie ale!
Chè viver nè morire non mi vale,
com'om che 'n mare vedesi perire
e camperia potesse in terra gire.
Terra mi fora porto
di vita e seguranza;
ma merzede e dottanza
mi ristringe e fa muto,
da poi mi sono accorto
d'Amor chi no m'avanza;
chè per lunga astetanza
lo giudeo è perduto.
E s'eo non agio aiuto
d'Amor che m'ave e tene in sua pregione,
non so che corte mi faza rasone.
Faragio como penetenzïale,
che spera bene sofferendo male.
___________________________________________________________________

Pir meu cori allegrari

Pir meu cori allegrari,
chi multu longiamenti
senza alligranza e joi d'amuri è statu,
mi ritornu in cantari,
ca forsi levimenti
da dimuranza turniria in usatu
di lu troppu taciri;
e quandu l'omu à rasuni di diri,
ben di' cantari e mustrari alligranza,
ca senza dimustranza
joi siria sempri di pocu valuri;
dunca ben di' cantari onni amaduri.
E si per ben amari
cantau juiusamenti
homo chi avissi in alcun tempu amatu,
ben lu diviria fari
plui dilittusamenti
eu, chi su di tal donna inamuratu,
dundi è dulci placiri,
preiu e valenza e juiusu pariri
e di billizi cuta[n]t' abondanza,
chi illu m'è pir simblanza
quandu eu la guardu, sintir la dulzuri
chi fa la tigra in illu miraturi;
chi si vidi livari
multu crudilimenti
sua nuritura, chi illa à nutricatu,
e si bonu li pari
mirarsi dulcimenti
dintru unu speclu chi li esti amustratu,
chi l'ublia siguiri.
Cusì m'è dulci mia donna vidiri:
chi 'n lei guardandu met[t]u in ublianza
tutta'altra mia intindanza,
sì chi instanti mi feri sou amuri
d'un culpu chi inavanza tutisuri.
Di chi eu putia sanar;
multu legeramenti,
sulu chi fussi a la mia donna a gratu
meu sirviri e pinari;
m'eu duitu fortimenti
chi quandu si rimembra di sou statu
nu lli dia displaciri.
Ma si quistu putissi adiviniri,
ch'Amori la ferissi de la lanza
chi mi fer' e mi lanza,
ben crederia guarir de mei doluri,
ca sintiramu equalimenti arduri.
Purriami laudari
d'Amori bonamenti,
com'omu da lui beni ammiritatu;
ma beni è da blasmari
Amur virasementi,
quandu illu dà favur da l'unu latu,
chi si l'amanti nun sa suffiriri,
disia d'amari e perdi sua speranza.
Ma eu suf[f]ru in usanza,
chi ò vistu adessa bon sufrituri
vinciri prova et aquistari hunuri.
E si pir suffiriri,
ni per amar lialmenti e timiri,
homo aquistau d'Amur gran beninanza,
digu avir confurtanza
eu, chi amu e timu e servi[i] a tutt'uri
cilatamenti plu chi altru amaduri.
___________________________________________________________________

Pir meu cori alligrari

Pir meu cori alligrari,
chi multu longiamenti
senza alligranza e joi d'amuri è statu,
mi ritornu in cantari,
ca forsi levimenti
la dimuranza turniria in usatu
di lu troppu taciri;
e quandu l'omu ha rasuni di diri,
ben di' cantari e mustrari alligranza,
ca senza dimustranza
joi siria sempri di pocu valuri:
dunca ben di' cantar onni amaduri.

E si pir ben amari
cantau jujusamenti
omu chi avissi in alcun tempu amatu,
ben lu diviria fari
plui dilittusamenti
eu, chi su di tal donna inamuratu,
dundi è dulci placiri,
preju e valenza e jujusu pariri
e di billizzi cutant'abundanza
chi illu m'è pir simblanza,
quandu eu la guardu, sintir la dulzuri
chi fa la tigra in illu miraturi;

chi si vidi livari
multu crudilimenti
sua nuritura, chi ill'ha nutricatu:
e sì bonu li pari
mirarsi dulcimenti
dintru unu speclu chi li esti amustratu,
chi l'ublia siguiri.
Cusì m'è dulci mia donna vidiri:
ca 'n lei guardandu mettu in ublianza
tutta autra mia intindanza,
sì che istanti mi feri sou amuri
d'un colpu chi inavanza tutisuri.

Di chi eu potia sanari
multu legeramenti,
sulu chi fussi a la mia donna a gratu
meu sirviri e pinari;
m'eu duttu fortimenti
chi, quandu si rimembra di sou statu,
nu lli dia displaciri.
Ma si quistu putissi adiviniri,
ch'Amori la ferissi de la lanza
che mi fer'e mi lanza,
ben crederia guarir di mei doluri,
ca sintiramu engualimenti arduri.

Purriami laudari
d'Amori bonamenti
com'omu da lui beni ammiritatu;
ma beni è da blasmari
Amur virasementi
quandu illu dà favur da l'unu latu
e l'autru fa languiri:
chi si l'amanti nun sa suffiriri,
disia d'amari e perdi sua speranza.
Ma eu suffru in usanza,
ca ho vistu adessa bon suffirituri
vinciri prova et acquistari unuri.

E si pir suffiriri
ni per amar lialmenti e timiri
omu acquistau d'Amur gran beninanza,
digiu avir confurtanza
eu, chi amu e timu e servivi a tutturi
cilatamenti plui chi autru amaduri.
___________________________________________________________________

Assai cretti celare

Assai cretti celare
ciò che mi conven dire,
ca lo troppo tacere
noce manta stagione,
e di troppo parlare
può danno adivenire:
per che m'aven temere
l'una e l'altra cagione.
Quand'omo ha temenza
di dir ciò che convene,
levemente adivene
che 'n suo dire è fallenza:
omo temente no è ben suo segnore;
per che, s'io fallo, il mi perdoni Amore.

Certo ben so' temente
di mia voglia mostrare;
e quando io creo posare,
mio cor prende arditanza;
e fa similemente
come chi va a furare,
che pur veder li pare
l'ombra di cui ha dottanza,
e poi prende ardimento
quant'ha maggior paura.
Così Amor m'asicura,
quando più mi spavento,
chiamar merzé a quella a cui so' dato;
ma, poi la veo, ublio zo ch'ho pensato.

Dolce m'è l'ublianza,
ancor mi sia nocente,
ch'eo vivo dolzemente
mentre mia donna miro ;
ed honne gran pesanza,
poi ch'io so' canoscente
ch'ella non cura nente
di ciò dond'io sospiro.
E piango per usaggio,
come fa lo malato
che si sente agravato
e dotta in suo coraggio,
ché per lamento li par spesse fiate
li passi parte di ria volontate.

Così pianto e lamento
mi dà gran benenanza,
ch'io sento mia gravanza
per sospiri amortare;
e dammi insegnamento
nave ch'ha tempestanza,
che torna in allegranza
per suo peso alleggiare.
E quando aggio alleggiato
de lo gravor ch'io porto,
io credo essere in porto
di riposo arivato;
così m'aven com'a la cominzaglia:
ch'io creo aver vinto, ancor so' a la battaglia.

Però com'a la fene
vorria m'adivenisse,
s'Amor lo consentisse,
poi tal vita m'è dura,
che s'arde e poi rivene:
ché forse, s'io m'ardesse
e di nuovo surgesse,
ch'io muteria ventura;
o ch'io mi rinovasse
come cervo in vecchiezze,
che torna in sue bellezze:
s'essa mi ritrovasse,
forse che rinovato piaceria
là donde ogne ben sol merzé saria.
___________________________________________________________________

Lista eventi