Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

sabato 8 agosto

STATISTICHE

Visitatori : 3432307

Pagine visitate : 91182328

Utenti connessi : 31

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Guido delle Colonne
[ Messina 1210 , 1287 ]


Guido delle Colonneimatore in volgare e prosatore in latino. Alcuni atti giuridici attestano che ricopre il ruolo di Giudice messinese e di funzionario di Federico II, tra il 1243 e il 1280. Si spartisce col Notaro, nel «De vulgari eloquentia», la dignità di poeta sommo tra i federiciani. Di lui ci restano cinque canzoni che sperimentano i due registri topici della poesia siciliana.
Su richiesta di Matteo della Porta, che fu arcivescovo di Palermo dal 1263 al 1272, scrisse la «Historia destructionis Troiae», traduzione della versione latina del «Roman de Troie di Benoît de Sainte-Maure». Tale testo conobbe un’enorme fortuna lungo tutto il Medioevo, agì in profondità, anche attraverso i suoi volgarizzamenti trecenteschi, sulla formazione della nostra prosa romanzesca e storiografica.
Fu anche crociato in Terra Santa e al ritorno, seguì il re Edoardo I in Inghilterra


Amor, che lungiamente m’hai menato

Amor, che lungiamente m'ài menato
a freno stretto senza riposanza,
alarga le toi retine, in pietanza,
chè soperchianza - m'a vinto e stancato;
c'ò più durato - ch'eo non ò possanza,
per voi, madonna, a cui porto lianza
più che non fa assessino asorcuitato,
che si lassa morir per sua credanza.
Ben este affanno dilittoso amare,
e dolze pena ben si pò chiamare;
ma voi, madonna, de la mia travaglia,
ca sì mi squaglia, - prenda voi merzide,
che ben è dolze mal, se no m'auzide.
Oi dolze ciera co sguardo soavi,
più bella d'altra che sia in vostra terra,
trajete lo meo core ormai di guerra,
che per voi erra - e gran trataglia nd' avi:
ca si gran travi - poco ferro serra,
e poca pioggia grande vento aterra,
però, madonna, non vi 'ncresca gravi,
s'Amor vi sforza, c'ogni cosa inserra;
chè certa no gli è troppo disinore
quand'omo è vinto da un suo megliore,
e tanto più da Amor che vince tutto.
Però non dutto - c'Amor non vi dismova
saggio guerreri vince guerra e prova.
Non dico c'a la vostra gran belleza
orgoglio non convegna e stiavi beni,
c'a bella donna orgoglio ben conveni,
che si manteni - in pregio ed in grandeza.
Troppa altereza - è quella che sconveni;
di grande orgoglio mai ben non aveni.
Però, madonna, la vostra dureza
convertasi in pietanza e si rinfreni;
non si distenda tanto ch'io ne pera.
Lo sole è alto, si face lumera,
e via più quanto 'n altura pare:
vostro orgogliare, - per zo, e vostra alteze
faciami pro' e tornimi in dolceze.
E' allumo dentro e sforzo in far semblanza
di non mostrar zo che lo meo cor senti.
Oi quant'è dura pena al cor dolenti
stare tacenti - e non far dimostranza!
Chè la pesanza - a la ciera consenti,
e fanno vista di lor portamenti,
cosi son volentieri 'n acordanza,
la cera co lo core insembramenti.
Forza di senno è quella che soverchia
ardir di core, asconde ed incoverchia.
Ben è gran senno, chi lo pote fare,
saver celare - ed essere segnore
de lo suo core quand'este 'n errore.
Amor fa disviare li più saggi,
e chi più ama a pena à in sè misura;
più folle è quello che più si 'nnamura.
Amor non cura - di far suoi dannaggi,
ca li coraggi - mette in tal calura,
che non pò rifreddare per freddura.
Gli occhi a lo core sono li messaggi
de' lor cominciamenti per natura.
Dunque, madonna, gli occhi e lo meo core
avete in vostra man dentro e di fore,
ch'Amor mi sbatte e smena che no abento,
sì come vento - smena nave in onda.
Voi siete meo pennel che non affonda.
___________________________________________________________________

Ancor che l’aigua per lo foco lassi

Ancor che l'aigua per lo foco lassi
la sua grande freddura
non cangeria natura
s'alcun vasello in mezzo non vi stassi;
anzi averria senza lunga dimura
che lo foco astutassi,
o che l'aigua seccassi;
ma per lo mezzo l'uno e l'autra dura.
Cusì, gentil criatura,
in me à mostrato Amore
l'ardente suo valore:
che senza Amore er'aigua fredda e ghiaccia,
ma Amor m'à sì allumato
di foco che m'abraccia,
ch'eo fora consumato,
se voi, donna sovrana,
non fustici mezzana
infra l'Amore e meve,
ca fa lo foco nascere di neve.
Immagine di neve si pò diri
omo che no à sentore
d'amoroso calore:
ancor sia vivo, non si sa sbaudiri.
Amore è uno spirito d'ardore,
che non si pò vediri,
ma sol per li sospiri
si fa sentire in quello ch'è amadore.
Cusì, donna d'aunore,
lo meo gran sospirare
vi porria certa fare
de l'amorosa flamma, und'eo so involto;
e non so com'eo duro,
sì m'ave preso e tolto;
ma parm' esser siguro
che molti altri amanti,
per amor tutti quanti,
funo perduti a morti,
che non amaro quant'eo, nè sì forti.
Eo v'amo tanto, che mille fiate
in un'or mi s'arranca
lo spirito che manca,
pensando, donna, la vostra beltate.
E lo disio c'ò lo cor m'abranca,
crescemi volontate,
mettemi 'n tempestate
ogni penseri, chè mai non si stanca.
O colorita e blanca
gioia, de lo meo bene
speranza mi mantene;
e s'eo languisco non posso morire,
ca, mentre viva sete,
eo non porria fallire,
ancor che fame e sete
lo corpo meo tormenti;
ma, sol ch'eo tegna menti
vostra gaia persona,
obbrio la morte, tal forza mi dona.
Eo non credo sia quello ch'avia,
lo spirito che porto,
ched eo fora già morto,
tant'ò passato male tuttavia;
lo spirito chi aggio, und'eo mi sporto,
credo lo vostro sia,
che nel meo petto stia
e abiti con meco in gioi e diporto.
Or mi son bene accorto,
quando da voi mi venni,
che, quando mente tenni
vostro amoroso viso netto e chiaro,
li vostri occhi piagenti
allora m'addobraro,
che mi tennero menti
e diedermi nascoso
uno spirto amoroso,
ch'assai mi fa più amare
che non amò null'altro, ciò mi pare.
La calamita, contano i saccenti
che trarre non porria
lo ferro per maestria,
se no che l'aire in mezzo lu consenti;
ancor che calamita petra sia,
l'altre petre neenti
non son cusì potenti
a traier, perchè non n'àno bailìa.
Così, madonna mia,
l'Amor s'è apperceputo
che non m'avria potuto
traer a sè, se non fusse per vui.
E sì son donne assai,
m'àno nulla per cui
eo mi movesse mai,
se non per voi, piagente,
in cui è fermamente
la forza e la vertuti.
Addonque prego l'Amor che m'aiuti.
___________________________________________________________________

La mia gran pena e lo gravoso affanno

La mia gran pena e lo gravoso affanno,
c'ò lungiamente per amor patuto,
madonna lo m'à 'n gioia ritornato;
pensando l'avenente di mio danno,
in sua merzede m'ave riceputo
e lo sofrire mal m'à meritato:
ch'ella m'à dato - tanto bene avire,
che lo sofrire - molta malenanza
agi' ubriato, e vivo in allegranza.
Allegro son ca tale segnoria
agio acquistata, per mal soferire,
in quella che d'amar non vao cessando.
Certo a gran torto lo mal blasmeria,
chè per un male agio visto avenire
poco di bene andare amegliorando,
ed atardando - per molto adastiare
un grand'affare - tornare a neiente.
Chi vole amar, dev' essere ubidente.
Ubidente son stato tuttavia,
ed ò servuto adesso co leanza
a la sovrana di conoscimento,
quella che lo meo core distringìa
ed ora in gioia d'amore mi 'navanza.
Soferendo agio avuto compimento,
e per un cento - m'ave più di savore
lo ben c'Amore - mi face sentire
per lo gran mal che m'à fatto sofrire.
Se madona m'à fatto soferire
per gioia d'amore avere compimento,
pene e travaglia ben m'à meritato;
poi ch'a lei piace, a me ben de' piacire,
che nd'agio avuto tanto valimento:
sovr'ogne amante m'ave più 'norato,
c'agio aquistato - d'amar la più sovrana:
chè, se Morgana - fosse infra la gente,
inver madonna non parria neiente.
Neiente vale amor sanza penare:
chi vole amar, conviene mal patire,
onde mille mercè n'agia lo male
che m'ave fatto in tanto ben montare,
ch'io non agio infra la gente ardire
di dir la gioia ove il mi' core sale.
Or dunque vale - meglio poco avire,
che ben sentire - troppo a la stagione:
per troppo ben diventa omo fellone.
___________________________________________________________________

Gioiosamente canto

Gioiosamente canto
e vivo in allegranza,
ca per la vostr' amanza,
madonna, gran gioi sento.
S'eo travagliai cotanto,
or aggio riposanza:
ben aia disïanza
che vene a compimento;
ca tutto mal talento–torna in gioi,
quandunqua l'allegranza ven dipoi;
und'eo m'allegro di grande ardimento:
un giorno vene, che val più di cento.
Ben passa rose e fiore
la vostra fresca cera,
lucente più che spera;
e la bocca aulitosa
più rende aulente aulore
che non fa d'una fera
c'ha nome la pantera,
che 'n India nasce ed usa.
Sovr'ogn'agua, amorosa–donna, sete
fontana che m'ha tolta ognunqua sete,
per ch'eo son vostro più leale e fino
che non è al suo signore l'assessino.
Come fontana piena,
che spande tutta quanta,
così lo meo cor canta,
sì fortemente abonda
de la gran gioi che mena,
per voi, madonna, spanta,
che certamente è tanta,
non ha dove s'asconda.
E più c'augello in fronda–so' gioioso,
e bene posso cantar più amoroso
che non canta già mai null'altro amante
uso di bene amare otrapassante.
Ben mi deggio allegrare
d' Amor che 'mprimamente
ristrinse la mia mente
d'amar voi, donna fina;
ma più deggio laudare
voi, donna caunoscente,
donde lo meo cor sente
la gioi che mai non fina.
Ca se tutta Messina–fusse mia,
senza voi, donna, nente mi saria:
quando con voi a sol mi sto, avenente,
ogn'altra gioi mi pare che sia nente.
La vostra gran bieltate
m'ha fatto, donna, amare,
e lo vostro ben fare
m'ha fatto cantadore:
ca, s'eo canto la state,
quando la fiore apare,
non poria ubrïare
di cantar la fred[d]ore.
Così mi tene Amore–corgaudente,
ché voi siete la mia donna valente.
Solazzo e gioco mai non vene mino:
così v'adoro como servo e 'nchino.
___________________________________________________________________

La mia vit'è sì fort'e dura e fera

La mia vit'è sì fort'e dura e fera
ch'eo non posso né viver né morire,
anzi distrug[g]o come al foco cera
e sto com'on che non si pò sentire;
escito son del senno là uv'era
e sono incuminciato ad infollire;
ma ben mi poria campare
quella per cui m'avene
tutto questo penare:
per bene amar–lo meo cor si ritene.
Merzé faria sed ella m'aiutasse,
da ch'eo per lei son così giudicato,
e qualche bon conforto mi donasse,
che[d] eo non fosse così alapidato;
peccato farla s'ella mi lassasse
esser sì fortemente condempnato,
cad eo no mi trovo aiuto
né chi mi dar conforto,
und'eo sono ismarruto
e venuto–ne sono a male porto.
Se madonna savesse lo martore
e li tormenti là 'v'eo sono intrato,
ben credo che mi daria lo suo amore,
ch'eo l'ho sì fortemente golïato;
più di null'altra cosa mi sta 'n core,
sì ch'eo non ho riposo i[n] nullo lato:
tanto mi tene distretto
ch[ed] eo non ho bailia,
sto com'omo sconfitto,
senza d[r]itto–sono in mala via.
Or con' farag[g]io, oi lasso adolorato,
ched eo non trovo chi mi consigliare?
Di tanto mondo quant'ag[g]io cercato
nullo consiglio non posso trovare:
a tut[t]i miei amici sono andato,
dicon che non mi possono aiutare,
se non quella c'ha valore
di darmi morte e vita
senza nullo tenore:
lo suo amore–m'è manna saporita.
Va', canzonetta fresca e novella,
a quella ch'è di tutte la corona,
e va' saluta quell'alta donzella;
di' ch'eo son servo de la sua persona
e di' che per suo onor questo fac[c]'ella:
trag[g]ami de le pene che mi dona;
e faria gran caunoscenza,
da che m'ha così preso,
no mi lassi in perdenza,
ch'eo non ho scienza,–in tal doglia m'ha miso.
___________________________________________________________________

Lista eventi