Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

martedì 15 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3255534

Pagine visitate : 87745409

Utenti connessi : 30

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Rimestanze


Indietro

Pagina 4 di 14___________________<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 >>


___________________________________________________________________

D'Alcamo CieloD'Alcamo Cielo
[ Alcamo/Messina 1200 , ]





CONTRASTO

«Rosa fresca aulentis[s]imach'apari inver' la state,
le donne ti disiano,pulzell' e maritate:
tràgemi d'este focora,se t'este a bolontate;
per te non ajo abento notte e dia,
penzando pur di voi, madonna mia.»
«Se di meve trabàgliti,follia lo ti fa fare.
Lo mar potresti arompere,a venti asemenare,
l'abere d'esto secolotut[t]o quanto asembrare:
avere me non pòteri a esto monno;
avanti li cavelli m'aritonno.»
«Se li cavelli artón[n]iti,avanti foss'io morto,
ca'n is[s]i [sì] mi pèrderalo solacc[i]o e 'l diporto.
Quando ci passo e véjoti,rosa fresca de l'orto,
bono conforto dónimi tut[t]ore:
poniamo che s'ajunga il nostro amore.»
«Ke 'l nostro amore ajùngasi,non boglio m'atalenti:
se ci ti trova pàremocogli altri miei parenti,
guarda non t'ar[i]golganoquesti forti cor[r]enti.
Como ti seppe bona la venuta,
consiglio che ti guardi a la partuta.»
«Se i tuoi parenti trova[n]mi,e che mi pozzon fare?
Una difensa mèt[t]ocidi dumili' agostari:
non mi toc[c]ara pàdretoper quanto avere ha'n Bari
Viva lo 'mperadore, graz[i'] a Deo!
Intendi, bella, quel che ti dico eo?»
«Tu me no lasci viverené sera né maitino.
Donna mi so' di pèrperi,d'auro massamotino.
Se tanto aver donàssemiquanto ha lo Saladino,
e per ajunta quant'ha lo soldano,
toc[c]are me non pòteri a la mano. »
«Molte sono le feminec'hanno dura la testa,
e l'omo con parabolel'adimina e amonesta:
tanto intorno procàzzalafin che ·ll' ha in sua podesta.
Femina d'omo non si può tenere:
guàrdati, bella, pur de ripentere.»
«K'eo ne [pur ri]pentésseme?davanti foss'io aucisa
ca nulla bona feminaper me fosse ripresa!
[A]ersera passàstici,cor[r]enno a la distesa.
Aquìstati riposa, canzoneri:
le tue parole a me non piac[c]ion gueri.»
«Quante sono le schiantorache m'ha' mise a lo core,
e solo purpenzànnomela dia quanno vo fore!
Femina d'esto secolotanto non amai ancore
quant'amo teve, rosa invidïata:
ben credo che mi fosti distinata.»
«Se distinata fósseti,caderia de l'altezze,
ché male messe fòranoin teve mie bellezze.
Se tut[t]o adivenìssemi,tagliàrami le trezze,
e consore m'arenno a una magione,
avanti che m'artoc[c]hi 'n la persone.»
«Se tu consore arènneti,donna col viso cleri,
a lo mostero vènocie rènnomi confleri:
per tanta prova vencertifàralo volonteri.
Conteco stao la sera e lo maitino:
besogn'è ch'io ti tenga al meo dimino.»
«Boimè tapina misera,com'ao reo distinato!
Geso Cristo l'altissimodel tut[t]o m'è airato:
concepìstimi a abàttarein omo blestiemato.
Cerca la terra ch'este gran[n]e assai,
chiù bella donna di me troverai.»
«Cercat'ajo Calabr[ï]a,Toscana e Lombardia,
Puglia, Costantinopoli,Genoa, Pisa e Soria,
Lamagna e Babilonïa[e] tut[t]a Barberia:
donna non [ci] trovai tanto cortese,
per che sovrana di meve te prese.»
«Poi tanto trabagliàsti[ti],fac[c]ioti meo pregheri
che tu vadi adomàn[n]imia mia mare e a mon peri.
Se dare mi ti degnano,menami a lo mosteri,
e sposami davanti da la jente;
e poi farò le tuo comannamente.»
«Di ciò che dici, vìtama,neiente non ti bale,
ca de le tuo parabolefatto n'ho ponti e scale.
Penne penzasti met[t]ere,sonti cadute l'ale;
e dato t'ajo la bolta sot[t]ana.
Dunque, se po[t]i, tèniti villana.»
«En paura non met[t]ermidi nullo manganiello:
istòmi 'n esta grorïad'esto forte castiello;
prezzo le tuo parabolemeno che d'un zitello.
Se tu no levi e va'tine di quaci,
se tu ci fosse morto, ben mi chiaci.»
«Dunque vor[r]esti, vìtama,ca per te fosse strutto?
Se morto essere déb[b]ociod intagliato tut[t]o,
di quaci non mi mòs[s]erase non ai' de lo frutto
lo quale stäo ne lo tuo jardino:
disïolo la sera e lo matino. »
«Di quel frutto non àb[b]eroconti né cabalieri
molto lo disïa[ro]nomarchesi e justizieri,
avere no'nde pòttero:gìro'nde molto feri.
Intendi bene ciò che bol[io] dire?
Men'este di mill'onze lo tuo abere. »
«Molti so' li garofani,ma non che salma 'nd'ài
bella, non dispregiàremis'avanti non m'assai.
Se vento è in proda e gìrasie giungeti a le prai,
arimembrare t'ao [e]ste parole,
ca de[n]tr'a 'sta animella assai mi dole.»
«Macara se dolés[s]etiche cadesse angosciato:
la gente ci cor[r]es[s]oroda traverso e da ·llato;
tut[t]'a meve dicessono:'Acor[r]i esto malnato'!
Non ti degnara porgere la mano
per quanto avere ha 'l papa e lo saldano.»
«Deo lo volesse, vìtama,te fosse morto in casa!
L'arma n'anderia cònsola,ca dì e notte pantasa.
La jente ti chiamàrano:?Oi perjura malvasa,
c'ha' morto l'omo in càsata, traìta!?
Sanz'on[n]i colpo lèvimi la vita. »
«Se tu no levi e va'tineco la maladizione,
li frati miei ti trovanodentro chissa magione.
[. . .] be ·llo mi sof[f]eropèrdici la persone,
ca meve se' venuto a sormonare;
carente néd amico non t'ha aitare.»
«A meve non aìtanoamici né parenti:
istrani' mi so', càrama,enfra esta bona jente.
Or fa un anno, vìtama,che 'ntrata mi se' ['n] mente.
Di canno ti vististi lo maiuto,
bella, da quello jorno so' feruto.»
«Di tanno 'namoràstiti,[tu] Iuda lo traìto,
como se fosse porpore,iscarlato o sciamito?
S'a le Va[n]gele jùrimiche mi sï' a marito,
avere me non pòter'a esto monno:
avanti in mare [j]ìt[t]omi al perfonno.»
«Se tu nel mare gìt[t]iti,donna cortese e fina,
dereto mi ti mìseraper tut[t]a la marina,
[e da] poi c'anegàs[s]eti,trobàrati a la rena
solo per questa cosa adimpretare:
conteco m'ajo a[g]giungere a pec[c]are.»
«Segnomi in Patre e 'n Filïoed i[n] santo Mat[t]eo:
so ca non se' tu retico[o] figlio di giudeo,
e cotale parabolenon udi' dire anch'eo.
Morta si [è] la femina a lo 'ntutto,
pèrdeci lo saboro e lo disdotto.»
«Bene lo saccio, càrama:altro non pozzo fare.
Se quisso non arcòmplimi,làssone lo cantare.
Fallo, mia donna, plàzzati,ché bene lo puoi fare.
Ancora tu no m'ami, molto t'amo,
sì m'hai preso come lo pesce a l'amo.»
«Sazzo che m'ami, [e] àmotidi core paladino.
Lèvati suso e vatene,tornaci a lo matino.
Se ciò che dico fàcemi,di bon cor t'amo e fino.
Quisso t'[ad]imprometto sanza faglia:
te' la mia fede che m'hai in tua baglia.»
«Per zo che dici, càrama,neiente non mi movo.
Inanti pren[n]i e scànnami:tolli esto cortel novo.
Esto fatto far pòtesiinanti scalfi un uovo.
Arcompli mi' talento, [a]mica bella,
ché l'arma co lo core mi si 'nfella.»
«Ben sazzo, l'arma dòleti,com'omo ch'ave arsura.
Esto fatto non pòtesiper nell'altra misura:
se non ha' le Vangel[ï]e,che mo ti dico "Jura",
avere me non puoi in tua podesta;
inanti pren[n]i e tagliami la testa. »
«Le Vangel[ï]e, càrama?ch'io le porto in seno:
a lo mostero présile(non ci era lo patrino).
Sovr'esto libro jùrotimai non ti vegno meno.
Arcompli mi' talento in caritate,
ché l'arma me ne sta in sut[t]ilitate.»
«Meo sire, poi juràstimi,eo tut[t]a quanta incenno.
Sono a la tua presenz[ï]a,da voi non mi difenno.
S'eo minespreso àjoti,merzé, a voi m'arenno.
A lo letto ne gimo a la bon'ora,
ché chissa cosa n'è data in ventura.»


___________________________________________________________________

D'Amico Dario D'Amico Dario
[ Messina 19/07/1967 , Catania 27/03/1993 ]





Guardati la bocca: non è una bocca
è il bocciolo di una rosa.
Una virgola, una fragola, un petalo
povera
piccola
fragola
petalo
Eppure, amica mia, verrò da te una notte.
Un refolo di vento sul balcone
e te lo ruberò – petalo



___________________________________________________________________

da Lentini Jacopo
[ Lentini/Messina 1210 , 1260 ]





Madonna, dir vo voglio

Madonna, dir vo voglio
como l'amor m'à priso,
inver' lo grande orgoglio
che voi bella mostrate, e no m'aita.
Oi lasso, lo meo core,
che 'n tante pene è miso
che vive quando more
per bene amare, e teneselo a vita.
Dunque mor'e viv'eo?
No, ma lo core meo
more più spesso e forte
che no faria di morte - naturale,
per voi, donna, cui ama,
più che se stesso brama,
e voi pur lo sdegnate:
amor, vostra 'mistate - vidi male.
Lo meo 'namoramento
non pò parire in detto,
ma sì com'eo lo sento
cor no lo penseria né diria lingua;
e zo ch'eo dico è nente
inver' ch'eo son distretto
tanto coralemente:
foc'aio al cor non credo mai si stingua;
anzi si pur alluma:
perché non mi consuma?
La salamandra audivi
che 'nfra lo foco vivi - stando sana;
eo sì fo per long'uso,
vivo 'n foc'amoroso
e non saccio ch'eo dica:
lo meo lavoro spica - e non ingrana.
Madonna, sì m'avene
ch'eo non posso avenire
com'eo dicesse bene
la propia cosa ch'eo sento d'amore;
sì com'omo in prudito
lo cor mi fa sentire,
che già mai no 'nd'è quito
mentre non pò toccar lo suo sentore.
Lo non-poter mi turba,
com'on che pinge e sturba,
e pure li dispiace
lo pingere che face, - e sé riprende,
che non fa per natura
la propia pintura;
e non è da blasmare
omo che cade in mare - a che s'aprende.
Lo vostr'amor che m'ave
in mare tempestoso,
è sì como la nave
c'a la fortuna getta ogni pesanti,
e campan per lo getto
di loco periglioso;
similemente eo getto
a voi, bella, li mei sospiri e pianti.
Che s'eo no li gittasse
parria che soffondasse,
e bene soffondara,
lo cor tanto gravara - in suo disio;
che tanto frange a terra
tempesta, che s'aterra,
ed eo così rinfrango,
quando sospiro e piango - posar crio.
Assai mi son mostrato
a voi, donna spietata,
com'eo so' innamorato,
ma creio ch'e' dispiaceria voi pinto.
Poi c'a me solo, lasso,
cotal ventura è data,
perché no mi 'nde lasso?
Non posso, di tal guisa Amor m'à vinto.
Vorria c'or avenisse
che lo meo core 'scisse
come 'ncarnato tutto,
e non facesse motto - a vo', isdegnosa;
c'Amore a tal l'adusse
ca, se vipera i fusse,
natura perderia:
a tal lo vederia, - fora pietosa.



___________________________________________________________________

delle Colonne Guidodelle Colonne Guido
[ Messina 1210 , 1287 ]





Amor, che lungiamente m’hai menato

Amor, che lungiamente m'ài menato
a freno stretto senza riposanza,
alarga le toi retine, in pietanza,
chè soperchianza - m'a vinto e stancato;
c'ò più durato - ch'eo non ò possanza,
per voi, madonna, a cui porto lianza
più che non fa assessino asorcuitato,
che si lassa morir per sua credanza.
Ben este affanno dilittoso amare,
e dolze pena ben si pò chiamare;
ma voi, madonna, de la mia travaglia,
ca sì mi squaglia, - prenda voi merzide,
che ben è dolze mal, se no m'auzide.
Oi dolze ciera co sguardo soavi,
più bella d'altra che sia in vostra terra,
trajete lo meo core ormai di guerra,
che per voi erra - e gran trataglia nd' avi:
ca si gran travi - poco ferro serra,
e poca pioggia grande vento aterra,
però, madonna, non vi 'ncresca gravi,
s'Amor vi sforza, c'ogni cosa inserra;
chè certa no gli è troppo disinore
quand'omo è vinto da un suo megliore,
e tanto più da Amor che vince tutto.
Però non dutto - c'Amor non vi dismova
saggio guerreri vince guerra e prova.
Non dico c'a la vostra gran belleza
orgoglio non convegna e stiavi beni,
c'a bella donna orgoglio ben conveni,
che si manteni - in pregio ed in grandeza.
Troppa altereza - è quella che sconveni;
di grande orgoglio mai ben non aveni.
Però, madonna, la vostra dureza
convertasi in pietanza e si rinfreni;
non si distenda tanto ch'io ne pera.
Lo sole è alto, si face lumera,
e via più quanto 'n altura pare:
vostro orgogliare, - per zo, e vostra alteze
faciami pro' e tornimi in dolceze.
E' allumo dentro e sforzo in far semblanza
di non mostrar zo che lo meo cor senti.
Oi quant'è dura pena al cor dolenti
stare tacenti - e non far dimostranza!
Chè la pesanza - a la ciera consenti,
e fanno vista di lor portamenti,
cosi son volentieri 'n acordanza,
la cera co lo core insembramenti.
Forza di senno è quella che soverchia
ardir di core, asconde ed incoverchia.
Ben è gran senno, chi lo pote fare,
saver celare - ed essere segnore
de lo suo core quand'este 'n errore.
Amor fa disviare li più saggi,
e chi più ama a pena à in sè misura;
più folle è quello che più si 'nnamura.
Amor non cura - di far suoi dannaggi,
ca li coraggi - mette in tal calura,
che non pò rifreddare per freddura.
Gli occhi a lo core sono li messaggi
de' lor cominciamenti per natura.
Dunque, madonna, gli occhi e lo meo core
avete in vostra man dentro e di fore,
ch'Amor mi sbatte e smena che no abento,
sì come vento - smena nave in onda.
Voi siete meo pennel che non affonda.


___________________________________________________________________

delle Colonne Oddo
[ Messina 1200 , ]





Distretto core e amoruso

Distretto core e amoruso
gioioso mi fa cantare;
e certo s'io son pensuso,
non è da maravigliare:
c'Amor m'à usato a tal uso
che m'à sì preso la voglia,
che 'l disusare m'è doglia
vostro piacere amoruso.

L'amoroso piacimento
che mi donava allegranza,
vegio che reo parlamento
me n'à divisa speranza.
Ond'io languisco e tormento
per [la] fina disianza,
ca per lunga dimoranza
troppo m'adastia talento.

Lo pensoso adastiamento
degiate, donna, allegrare,
per ira e isplacimento
d'invidïoso parlare,
e dare confortamento
a lu leali amadori,
sì che li rei parladori
n'agiano sconfortamento.

Sconfortamento n'avrano,
poi comandato m'avete
ch'io mostri tal viso vano,
che voi, bella, conoscete;
e co [quello] crederano
ch'io ci agia mia diletanza,
e perderanno credanza
del falso dire che fano.

Fannomi noia e pesanza
di voi, mia vita piagente,
per mantener loro usanza,
la noiosa e falsa gente.
Ed io com'auro in bilanza
vi son leale, sovrana
fiore d'ogni cristiana,
per cui lo cor si 'navanza.


___________________________________________________________________

Di Francia Annibale MariaDi Francia  Annibale Maria
[ Messina 05/07/1841 , Messina 01/06/1927 ]





Poeta

Genio del bello, elevati
Su le splendenti piume
T'arde sul frònte intrepido
L'astro d'ignoto nume,
Fendi le nubi: penetra
gli abissi del dolor;
Parla di Dio nell'impeto
Del tuo divino amor!

Ben tu lo puoi. - Favellami
Della più arcana Idea.
T'è ignota? Oh l'apri al fremito
Del tuo furor che crea.
L'età che è tua rianima
Con la passata età,
Uniscile in un vincolo
Col tempo che verrà.

Ben tu lo puoi. - E' incognita
La via che tu cammini.
Qual meta, qual principio
T'imposero i destini,
A quella forza ingenita,
A quel supremo ardor,
Che l'intelletto irradia
E che t'infiamma il cor?

Della tua vita il tramite
Passa, Poeta, e spera!
E' la tua spada il cantico,
l'arpa e la tua bandiera.
Combatti e vinci, - elevati
Dal fango di quaggiù,
E' la tua vita il genio,
E' Dio la tua virtù!

Tu nell'ardor del cantico
Su l'universo imperi;
favelli nel delirio
Dei fervidi pensieri
Con l'onda dell'oceano,
Col fulmine del ciel;
Tu dei venturi secoli
Spesso dirompi il vel!

Virtù tremendat'agita
Se l'arpa tua flagelli!
Nell'ira ancor più nobile
Nel tuo furor ti abbelli;
Rapisci al vento il sibilo,
L'urlo rapisci al mar;
Fidi il tuo canto alla aere,
Lo fidi sugli altar.

Spesso l'onor di un popolo
Su la tua cetra à vita.
Rinasci dalla polvere
Una virtù sopita;
canti gli eroi, la Patria,
La Speme, il Ver, la Fè:
Né mai la cetra, in languido
Ozio, ti posa al piè.

Spesso imprecasti! e il fremito
Della tua cetra è santo!
Stimmatizzasti un secolo
Con l'ira del tuo canto!...
Ma in mezzo all'ira un gemito
Di pietade uscì:
L'onta in un vel di lagrime
La tua pietà coprì!

Santo nel tuo delirio,
Fuoco nel tuo fervore,
Or che non sai se moduli
Le corde dell'amore?
Preda tu no, di un fascino
Ch'evanescendo va,
Ma sollevato all'estasi
D'uneternal beltà?

Talor ti vide nomade
Com'astro peregrino,
Col piede e con lo spirito
Vagar pel tuo cammino
Dove passasti, un angiolo
Passò dinanzi a te;
Surse una rosa vergine
Dove mettesti il piè.

Figli dell'uom, miratelo
Nei suoi divini istanti!
Va, ti sublima, o polvere,
In quei celesti canti;
Piena d'ebbrezze angeliche
Da lui ti pioverà;
E il nappe delle lagrime
Rugiade stillerà!

Figli dell'uom chinatevi:
Santa è la sua parola!
Voce di Dio che fulmina,
Che allegra e che consola.
O Poesia, vivifica
Fiamma che incendia il cor,
Rivelatrice incognita
Dell'incompreso Amor!

Anch'io ti sento, e m'agita
Anco il tuo foco arcano!
Ma su la mesta pagina
Sento languir la mano;
Geme in incerto gemito
La povera canzon;
E da le corde tremule
Esce confuso il suon.

Ti sento anch'io, ma l'animo
Nelle modeste note,
L'ansia, il desio che l'agita
Ahi, rivelar non puote!...
Pur benedetto il gemito
Dell'ispirato ardor:
La mia canzone libera
Come la detta il cor!



Pagina 4 di 14___________________<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 >>