Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

mercoledì 23 gennaio

STATISTICHE

Visitatori : 3092057

Pagine visitate : 84972542

Utenti connessi : 18

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Rimestanze


Indietro

Pagina 3 di 14___________________<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 >>


___________________________________________________________________

Cassata NelloCassata Nello
[ Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 06/04/1913 , Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 1973 ]





PEPPA SPARACANNUNI

Peppa, a ddi tempi cc'un coppu 'i cannuni,
ccu 'na simplici badda cungignata,
facisti scappari li burbuni
e fusti l'eruina 'i dda jurnata.

Ora dda badda veni cunsirvata,
'n Catania ó Museu dù Comuni,
ricorda lu rumuru e la fumata
chi fannu ó jocu-focu i masculuni.

Si tu turnassi a fari l'eruina,
doppu cent'anni di dda vecchia storia,
autru chi baddi e chiummu a la ruvina...

Cosi di fari trimari li coria:
l'atomica a Nagasachi e Iruscima,
chista sarria la to' nova gloria!


___________________________________________________________________

Cassata Letterio
[ Messina 15/03/1941 , ]





Dai più begli esseri vogliamo un frutto,
che Rosa di beltà non muoia mai,
ma quando al tempo ceda il più maturo,
ne rechi il tenero erede memoria;
ma, sposato ai tuoi fulgidi occhi, nutri
di te la fiamma tu della tua luce,
in penuria volgendo l’abbondanza,
troppo crudo nemico all’io tuo dolce.
Tu che ora sei fresco ornamento al mondo,
allo sfarzoso aprile unico araldo,
nel tuo bocciolo affossi ciò che hai dentro,
tenero tirchio, spilorcio sprecone.
Pietà del mondo! O nella tomba, ingordo,
ingoi e in te quanto è dovuto al mondo.


___________________________________________________________________

Cattafi BartoloCattafi Bartolo
[ Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 06/07/1922 , Milano 13/03/1979 ]





L'AGAVE

Abbandona la sabbia siciliana, la musica e il miele
degli Arabi e dei Greci,
rompi i dolci legami, questo torpido
latte delle radiche,
discendi in mare regina sonnolenta
verde bestia con braccia di dolore
come chi è pronto al varco; nelle grandi
città, nelle nevi, nel bosco, nel deserto
carovane camminano in eterno;
viaggia assieme all’anima
fredda dei gabbiani
assieme al cuore fecondo al pesce pregno
che arricchisce la rete più lontana
alla mano lentissima di Dio
venuta in volo da un nido di nebbia.




___________________________________________________________________

Celeste Lucas Rosinella Celeste Lucas Rosinella
[ Messina , ]





La forma incauta

farò la valigia e me ne andrò
piegata in tasca la sofferenza,
porterò nel mare del mio cuore
il tuo, piantato
come una roccia carsolina


___________________________________________________________________

Cesareo Giovanni AlfredoCesareo  Giovanni Alfredo
[ Messina 24/01/1860 , Palermo 07/05/1937 ]





Campane a sera

arcana
campana
lontana,

che in questo silenzio dei campi t’effondi
con dondi gementi, soavi, profondi,
e i sensi d’ignara mestizia confondi;

arcana
campana
lontana,

qual onda di sogni, d’amari rimpianti,
tu al cuore mi mandi, ma incerti, ma erranti,
ma solo all’umana tua voce balzanti!

arcana
campana
lontana,

è l’ora che l’ombre si fanno maggiori
e affiocano i trilli dei grilli sonori;
è l’ora che han tregua nel sonno i dolori.

arcana
campana
lontana,

divina è la pace che piove da’ cieli:
s’inclinano i fiori sugli umili steli,
e orano in coro le rame fedeli.

arcana
campana
lontana,

ma erede d’oscuri misfatti che sento
nel petto echeggiarmi con lungo lamento,
io solo, se t’odo, più cupo divento,

vana campana che muori nel vento.


___________________________________________________________________

Costa MariaCosta Maria
[ Messina , ]





COLAPISCI

So matri lu chiamava: Colapisci!
sempri a mari, a mari, scura e brisci,
ciata 'u sciroccu, zottiati sferra,
o Piscicola miu trasi ntera!

Iddu sciddicava comu anghidda
siguennu 'u sò distinu, la sò stidda.
Annava fora, facia lagghi giri,
e Canzirri, 'o Faru e Petri Niri.

Un ghionnu sò maistà 'u vinni a sapiri,
e si pprisintau a iddu cù stu diri:
Iò sacciu chi si l'incantu da' rivera
e di lu Faru potti la bannera,

scinni 'o funnu a metri, passi e milia
e dimmi com'è cumposta la Sigilìa,
sè supra rocchi, massi o mammurina
e qual'è la posa di la tò Missina.

Ie Colapisci, figghiolu abbidienti
mpizzau 'o funnu, rittu tempu nenti.
'U Re facìa: chi beddu asimplari
e figghiu a Cariddi e non si nigari.

Sulligitu nchianau Colapisci
comu murina chi so' canni lisci,
dicennu: "maistà 'a bedda Missina
vessu punenti pari chi ssi 'ncrina.

Sù tri culonni cà tenunu mpedi,
una è rutta, una è sana e l'autra cedi.
Ma 'u Re tistazza 'i gemmanisi
'u rimannau pi' n'autri centu stisi.

Iddu ssummau e ci dissi: Maistà
è tutta focu 'a basi dà cità.
'U Re 'llampau e 'n 'coppu i maretta
'i sgarru ci sfilau la vigghetta.

Giovi, Nettunu, dissi a vuci china,
quantu fu latra sta ributtatina.
Oh Colapisci, scinni lupu 'i mari
e vidi si mi la poi tu truvari!

Era cumprimentu dà rigina,
l'haiu a malaggurio e ruina.
E Colapisci, nuncenti, figghiu miu,
'a facci sa fici ianca dù spirìu

dicennu: Maistà gran dignitari
mi raccumannu sulu 'o Diu dù mari.
e tempu nenti fici a gira e vota
scutuliau a cuta e a lena sciota

tagghiau 'i centru e centru a testa sutta
e si 'ndirizzau pà culonna rutta.
Ciccava Colapisci 'i tutti i lati
cu di mani russi Lazzariati,

ciccau comu potti 'ntò funnali
ma i boddira 'nchianavanu 'ncanali.
'U mari avia 'a facci 'i viddi ramu
e allura 'u Re ci fici 'stu richiamu:

Colapisci chi fai, dimurasti?
e a vint'una i cavaddi foru all'asti.
E Cola cecca e cecca 'ntà lu strittu
'st 'aneddu fattu, 'ntà l'anticu Agittu.

Sò matri, mischinedda ancora 'u chiama
cà mani a janga e 'ncori 'na lama.
Ma Colapisci cecca e cicchirà
st'aneddu d'oru pi l'atennità.




Pagina 3 di 14___________________<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 >>