Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

domenica 5 aprile

STATISTICHE

Visitatori : 3374114

Pagine visitate : 89444027

Utenti connessi : 33

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Rimestanze


Indietro

Vann'AntòVann'Antò
[ Ragusa 24/08/1891 , Messina 25/05/1960 ]

M'ama la bella mia

" M'ama la bella mia, sempri m'arriri:
quannu vuògghiu, rispunni a la ciamata. "
" A la mia bella ci manca la firi,
nun ci po' crirri, no, ri quantu è amata. "

" La mia bella è 'nu specciu, ca t'ammiri
e la to' fiura c'è sempri stampata... "
" La mia gioia si viri e nun si viri:
e primavera 'n mienzu a l'invirnata. "

" Iu vincii ni la ddutta ri l'amuri
ccu 'n attu ri curaggiu, cuomu fa
(vitti e sparau) lu bravu cacciaturi. "

" L'anima mia tenaci aspetta: sa
ch'è cciú vivu l'affettu nel duluri
cuomu la fiamma ni l'oscurità! "


da Voluntas tua


___________________________________________________________________

La cartullina

Cci mmannarru e la cartullina
a n-surdatu muortu.
A n-surdatu muortu
cci mmannarru la cartullina!

La cartullina e di riciamu
quannu hâ-ssìri c'hâ-ssìri guerra:
quannu hâ-ssìri c'hâ-ssìri guerra:
tutti pronti a lu riciamu...

La matruzza e finìu ri ciànciri
ppi lu figghiu c'avìa muortu:
caru figghiu ch'è beddu muortu!
La matruzza finìu ri ciànciri.


da U vascidduzzu


___________________________________________________________________

L'arcunè
(Arrarrò)

Les enfants sont tout l'horizon

Oh cchi beddu arcu r'amuri,
oh cchi beddu tricculuri
ca scìu fora l'arcunè:
pani vinu e uògghiu cc'è!

Tricculuri ri la paci,
Pruvirenza ca si cumpiaci
e n'ammustra l'arcunè:
pani vinu e uògghiu cc'è.

Lu dillùviu ca finìu,
torna e arriri suli ri Diu
ca fa n-cielu l'arcunè :
pani vinu e uògghiu cc'è!

Ca finìu timpesta e guerra
e s'abbrazzanu cielu e terra,
si furmau e l'arcunè:
pani vinu e uògghiu cc'è.

Arcunè ri paci e d'amuri
lu cciù miegghiu tricculuri,
tricculuri ri l'arcunè:
pani vinu e uògghiu cc'è!

da 'U vascidduzzu


___________________________________________________________________

Canzonetta

I soldati vanno alla guerra.
Vanno come trasognati,
e la notte li rinserra.
La strada cammina, cammina
come una misteriosa pellegrina,
e sulle case addormentate
tutte le stelle si sono affacciate.
Ma i soldati sono quasi fanciulli,
e si mettono a cantare
la ninna nanna, per cullare
una tristezza che non si vuole addormentare.
Le stelle
sono come gocce d'argento
e le fa tremare il vento!
E mentre dormono tutte le belle
noi ce ne andiamo per la bianca strada
a ritrovare un'altra fidanzata!
Ed anche voi, dolcezza, dormite......
e del mio bene nulla sapete!
Volevo parlare, una sera.........
ma ogni detto fuggì dal mio cuore
come dalla gabbia una capinera!
E voi, bambini, fate la nanna
e non fate disperare la mamma.
Dormite
col guanciale bianco sotto la testa,
e intanto viaggia la tempesta!
O fratello ! Prima di partire
tante cose ti volevo dire.....
Ma come foglie portate dal vento
sono fuggite , e non me ne rammento!
O mamma, voi sola non dormite,
come una volta, quand'ero malato!
E voi sola m'avete vegliato,
e non mi potevo addormentare
se voi non eravate al capezzale.
Ma ero un fanciullo!
Ora , mamma, state contenta!
Sentite? il figlio vostro canta!
Canta e cammina per la bianca strada
per ritrovare la sua fidanzata.-
(ma le mamme non possono dormire,
e quella canzone le fa singhiozzare).
Sulle case addormentate
tutte le stelle sono tramontate.
I soldati vanno a testa china
e la strada cammina cammina.
___________________________________________________________________

L'urtima guerra

Cu ntê càmmini ca cumànnanu
(cuomu rici lu muttu anticu)
e li puòpuli ca si scànnanu!
l'un all'àutru e pirchì? nnimicu,
basta rìciunu la patria:
basta sièmu piècuri stùpiti
tinti piècuri testa-calata
Ca ci attocca fari li lupi,
ni pigghiàu la gran fuddia
ca cciù miegghiu a l'ucciria!

mmarditti puopuli e cu ni cuverna,
ca nun c'è cciù riliggioni:
nun cririèmu a la vita eterna
e curriemu a la distruzioni!
ni sduffammu ri la campata
ca finìu giustizzia e amuri
e finissi testa-tagghiata
lu stissu munnu lu stissu suli,
fussi morti ri ntunnu nsumma
quantu spara l'urtima bumma!

quantu fussi l'urtima guerra
e addiu gioia la matina
ca ti susi e aruri la terra,
biniritti ri l'acquazzina
macci e sciuri e lu laùri


crisci crisci misu n-caminu
ca l'uòcci ellu arrìrunu suli
priparàmuni a lu fistinu,
addiu gioia, quantu mi piaci
se cci fussi giustizia e paci!

paci e pani ca nun ammanca,
ca fai lonca la iurnata
quannu scura e truovi ianca
la tuvàgghia bedda strâta,
ccu li figghi 'ranni e nichi
ca cci arrìrunu li rienti
la ricòita fu di spichi
beddi cini e si' cuntenti,
cciu cuntenti a lu nnumani
paci santa ri lu pani!
pani ri lu santu acquistu,
pani ca si cci travàgghia
pani cu fu Gesù Cristu
e nascìu m-mienzu la pagghia,
battutu, fracillatu:
pani ca quantu custàu,
ccu sururi ri sancu varagnatu
ccu sururi ri morti e risuscitau,
pani gloriusu r'amuri
pani ri vera paci e reranturi!


ca n'avìssimu a ssittari
tutti a tàvula cumuni,
senza Làzzaru ncaddari
e so frati riccu Epuluni,
ca nun c'è nè to' nè miu:

nun si mància pani arrubbatu!
pani è di l'omu e Diu:
nè, ca cciuttuostu morri, nsancunatu!
pani ca siemu frati beddi unuti,
frati l'unu ccu l'autru ca s'aiùtinu.

Cusì fussi e cusì sia,
prima ca sona l'urtima ancunia!

da 'U vascidduzzu


___________________________________________________________________

Primave'

Primavera, è sì o no?
che mi fai la preziosa,
la vitellona scontrosa
già innamorata però...

Primavera, Primavera!
ecco Maggio e tu ancora sfuggi.
Quando rompi alfine gl'indugi,
tutta bella e sincera?

Se in una volta s'avventa,
bada! montando in furore,
ti strapazzerà tutta il sole :
come il toro la giovenca.

da La Madonna nera


___________________________________________________________________



Pagina 1 di 7___________________1 2 3 4 5 6 7 >>

Indietro