Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

sabato 20 luglio

STATISTICHE

Visitatori : 3198632

Pagine visitate : 87065699

Utenti connessi : 20

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Rimestanze


Indietro

Nino Pino BalottaBalotta Nino Pino
[ Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 17/09/1909 , Barcellona Pozzo di Gotto (ME) 26/07/1987 ]

E' u jornu di morti.
Pirchì chiamarli morti ?
Scùppati nto silenziu
Tutti c'un sulu nomu,
Sàutunu all'incontru, rassimìgghi cari,
Ogni vota chi tu i pensi;
Caminàru avanti a nui
Dda, unni non si po' cchiù iri avanti,
Ci annamu appressu ranti ranti
Cu nostru càrricu murtali.
Š
___________________________________________________________________

NDIVINA'GGHIA

ooo000ooo

- Unni vai?
chi scatulìi? - Chi scatulìu, chi cerchu?
Chiddu chi cerchi tu! Ndivìna ndivinàgghia,
E' comu na gran négghia
Chi nchiàna e poi si squàgghia
Cadi e si ripigghia.
- Chi scatulìu, chi cerchu?
Cercu na cosa ch'è intra di mia,
Ch'è fora di mia,
Luntanu,
Vicinu. Ndivìna ndivinàgghia,
Cu'a cerca ggià si sbìgghia,
C'è l'oru sutta 'a pagghia,
Strazzàmu sta cummòghia.
- Chi scatulìu, chi cercu?
Chiddu chi cerchi tu!
Cercu na cosa c'avemu nsimbràta,
Ch'è intra di nui,
Ch'è fora di nui,
Luntànu, vicinu,
C'à cerca ogni figghiu 'i mamma
Comu na ùgghia persa. Ndivìna indivinàgghia,
Non fari lassa e pigghia,
Circàmula sta ùgghia,
Evviva a ccu'a scummògghia.
___________________________________________________________________

MMINUZZA'GGHI

Muzzicùni chi non cala
Ghiuttuni amari pi migghiàra di bucchi
Ristatini chi sfàmanu a ccu pati
Mìsiri avanzi
Pi tanti mischini
Piattu di zzargàru, d'un ghiornu senza fini.
Scagghitti
Cu lagrimi e santu
Ntustati pi tant'anni
Pizzùdda d'un calvariu longu, chi parìa un distintu
Strincennu na manata i mminuzzàgghi
Un pugnu un ghiornu
Si livò: i macinò nte 'dita: i sbrizziò nta ll'aria
Fu com'un lévutu chi ribbugghi e spraia
Spisìddi chi signaru lu caminu.
___________________________________________________________________

Proletari

L'urlo delle sirene
scaraventa la turba
verso la fatica del domani
la tortura si ripete implacabile
con lo sgranare dei giorni.


___________________________________________________________________

Chiovi

"chiovi chiovi chiovi
E la iatta fa li provi
E lù surici si marita
Cu la coppula di sita...."

Chiovi chiovi chiovi...
l'acqua si crucia
Chiovi ora llammicu
e a timpuluni di ventu.

Bbrizia... chiuviddica...

Usuli
nfussato nte negghi - purtusu funnu
u suli - na specia di catusu
nto celu comu un mbutu.

Chiovi... chiovi... ncarca...
u scuru si pizia
u scuru è na bbalata
rrimuri e sono e vuci, ncantisimi e
pari chi tu u rrispiri, u scuru,
chi tu non hai cchiu confini, nto scuru.

Vurrica e nutrica, u scuru!

___________________________________________________________________

Contadini senza terra

Si mossero nel buio
nelle viuzze, fuori dai tugurii,
formiche sciamate dalle tane
- appassivano i sogni nel brulicare denso -
Inalberarono incontro all'aurora
l'antica brama dei padri
incenerita con le loro ossa
rinverdita nella carne loro:
mossero, armati per l'antica guerra,
zappe, badili,
a riscattar la terra,
zappe, badili, tozzi di pane secco
nelle bisacce sdrucite
(vi fu chi come pane mise un sacco
e l'amarezza perenne).

Furono un molo proteso verso
l'aperta immensità del mare.
Rivissero le servi dei viottoli, uomini,
muli, donne sfinite, carico di miseria,
in lunga litania, finché l'ingoiò il
latifondo.

Siamo contadini senza terra,
la terra è il pane, e noi cerchiamo pane,
è sangue che richiama sangue
è pane per la nostra redenzione:
la terra è pace e noi vogliamo pace.
___________________________________________________________________



Pagina 1 di 4___________________1 2 3 4 >>

Indietro