Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

lunedì 22 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3047927

Pagine visitate : 84273995

Utenti connessi : 17

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Personaggi


Indietro

Agostino Scilla
[ Messina 10/08/1629 , 1700 ]


Agostino scilla Ritratto  da CARLETTI ANGELO ersonaggio polivalente delle sue innumerevoli attività dalla pittura alla numismatica, dalla filosofia all'architettura. Compie i suoi studi a Messina. Si dedica precocemente alla pittura sotto la guida di Antonino Barbalunga A diciassette anni si trasferisce a Roma, dove soggiorna per un quadriennio, al seguito di Andrea Sacchi, con cui studia l'arte antica e la pittura rinascimentale.
Torna a Messina e si segnala come buon pittore di quadri di ritratti e paesaggi, nonché di tema naturalistico. Diviene membro dell'Accademia della Fucina con il nome di "Scolorito". Nel 1674 prende parte alla rivoluzione antispagnola e el 1678, a seguito del fallimento della rivolta , scappa da Messina, trasferendosi in esilio a Torino
L' avversione contro i dominatori non si manifestò nel suo stile nel restauro da lui operato della loggia annessa alla Cattedrale di Randazzo, lo stile è tardo rinascimentale, ma non di importazione italiana, bensì spagnola. La disposizione dei conci a faccia vista, l'aspetto turrito, le semplici bucature rettangolari protette da inferriate e con timpano sovrastante, gli acroteri terminali a forma di bolas e gli archi ribassati ci parlano decisamente spagnolo.
suoi dipinti, invece, che ritraggono spesso paesaggi e nature morte, riflettono i suoi studi classici. Oltre ai quadri conservati nel museo di Messina e ad alcuni ritrovati presso collezioni private, di notevole pregio sono i suoi affreschi per la Cappella del Sacramento nel Duomo di Siracusa, la cui costruzione è attribuita al siculo spagnolo Giovanni Vemexio.

Si stabilisce in via definitiva a Roma ed entra in amicizia con Cino Ferri, rinomato pittore romano, ed entra a far parte della prestigiosa Accademia di S. Luca. Accanto alla professione di pittore, Scilla coltiva con altrettanta efficacia interessi in diversi settori, in special modo quello numismatico e naturalistico, di cui è segno il trattato La vana speculazione disingannata dal senso. Indietro