Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

domenica 28 febbraio

STATISTICHE

Visitatori : 3530734

Pagine visitate : 94377994

Utenti connessi : 46

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Personaggi


Indietro

Peter Greenaway
[ Newport (galles) 05/04/1942 , ]


Il padre, ornitologo dilettante, gli trasmette la passione per gli uccelli, che avranno un ruolo di grande importanza in molti suoi film. Con l'idea di diventare pittore studia alla Walthamstow School of Arts finché, all'età di 16 anni, un amico lo porta a vedere Il settimo sigillo di Ingmar Bergman. Ne resta talmente colpito da tornare a vedere il film due volte al giorno, per cinque giorni di seguito. Da quel momento egli sviluppa una grande passione per il cinema, e in particolare per autori come Antonioni, Godard, Truffaut e Resnais, regista di L'anno scorso a Marienbad che è il suo film preferito. Dopo aver tentato senza successo di iscriversi al Royal College of Art Film School, torna a dedicarsi alla pittura, e nel 1964 tiene alla Lord's Gallery la sua prima mostra dal titolo Ejzenstejn at Winter Palace. Contemporaneamente comincia a scrivere diversi romanzi, ispirandosi in particolare a Borges ed a Calvino.
Nel 1965, dopo una breve parentesi come critico cinematografico inizia a lavorare come tecnico del montaggio al Central Office Information, un organismo governativo presso cui rimane per una decina d'anni. Tra gli 80 documentari da lui prodotti per il COI ci sono: I am going to be an architect e Legend of birds. Sempre in questi anni Greenaway si dedica all'illustrazione di libri e alla scrittura di ben 18 romanzi, per i quali non trova però un editore.
Dal 1966 comincia a girare i suoi primi cortometraggi sperimentali: Death of sentiment e Train. Il suo primo successo cinematografico arriva nel 1978 con A Walk Through H, prodotto dal British Film Institute, che ottiene il premio Hugo al festival di Chicago. Il primo lungometraggio è The Falls (1980) con cui vince il premio del BFI e il premio Age d'or a Bruxelles. Il vero esordio alla regia di un lungometraggio a soggetto avviene nel 1982 con The Draughtsman's Contract (I misteri del giardino di Compton House) che viene presentato a Venezia, dove pur non vincendo, ottiene un grande successo di critica e di pubblico Indietro