Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

domenica 28 febbraio

STATISTICHE

Visitatori : 3530729

Pagine visitate : 94377303

Utenti connessi : 44

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Personaggi


Indietro

Hugo von Hofmannsthal
[ Vienna 01/02/1874 , Vienna 15/07/1929 ]


Fece studi giuridici e letterari. Fece a Rodaun una vita ritirata, ma interrotta da numerosi viaggi in Francia e nei paesi mediterranei. Fu per alcuni anni amico di Stefan George, ma non fece parte di alcuna cerchia. Trovò nel musicista Richard Strauss un collaboratore congeniale. Morì a Rodaun [Vienna] nel 1929.
Inziò a scrivere a 17 anni. Poesie. I drammi lirici Ieri (Gestern, 1891), La morte di Tiziano (Der Tod des Ti zian, 1892), Il folle e la morte (Der Tor und der Tod, 1893). Scritti in uno stile ricco di struggenti immagini, pieno di lan guida musicalità, esprimono la malinconia sognante e l'ebbrezza di morte caratteristici del decadentismo viennese. Seguirono altre opere drammatiche, tra cui L'avventuriero e la cantante (Der Abenteurer und die Sängerin, 1899), saggio di penetrante indagine psicologica sullo sfondo vivido e sontuoso della Venezia del XVIII secolo. E' già presente uno dei temi di Hofmannsthal: il conflitto tra una irrestabile spinta alla metamorfosi e l'esigenza morale di restare fedeli a sé stessi.
Nel 1901 una crisi, documentata nella Lettera di Lord Chandos (Brief des Lord Chandos) pose fine alla sua produzione lirica. Hofmannsthal si accorse che il suo linguaggio rischiava di ridursi all'espressione di un modo di sentire puramente soggettivo e estetizzante. Si volse esclusivamente al teatro. Evidente l'influsso di Nietzsche sull'origine della tragedia in una serie di rielaborazione in chiave moderna di tragedie greche: Elektra (1904), Ödipus e la Sfinge (Ödipus und die Sphinx, 1906). In Ognuno, il dramma della morte del ricco (Jedermann das Spiel vom Sterben des reiches Mannes, 1911) è l'influenza dei misteri medievali e del teatro barocchista. A questi anni risale anche il periodo di più intensa collaborazione con Richard Strauss. Con Il cavaliere della rosa (Der Ro senkavalier, 1911) e Ariadne a Nasso (Ariadne auf Naxos, 1912) nasce una nuova forma di dramma musicale, in cui il testo lette rario ha una sua autonoma validità poetica. Una complessa simbologia caratterizza La donna senz'ombra (Die Frau ohne Schatten) uscito in libretto nel 1916 e come racconto nel 1919. Una interpretazione del senso metafisico della maternità. Del 1921 è L'uomo difficile (Der Schwierige), imperniato sulla figura di un aristocratico il cui destino appare legato a quello della monarchia asburgica ormai alla fine. L'azione si svolge in una sola sera. Il conte Hans Karl Bühl, detto Kari, quarantenne ricco colto e affascinante, segnato dalla dura esperienza della guerra, fatica a reinserirsi nella vita di società dell'aristo crazia viennese. Riceve però molti delicati incarichi: riconci liare la propria antica amante Antoinette con il marito, indurre il giovane nipote Stani a chiedere la mano della bella e ricca Helene togliendola al barone prussiano Neuhoff. Alla fine sarà proprio Kari a avere Helene, grazie all'audacia di lei che gli proclama il suo amore. Il problema della responsabilità sociale del singolo è affrontato ne Il gran teatro salisburghese del mondo (das Salzburger grosse Welttheater, 1922) e La torre (Der Turm, 1925) ispirati al teatro di Calderón. Hofmannsthal ha scritto inoltre una serie di notevoli saggi letterari. E racconti, tra cui L'avventura del maresciallo di Bassompierre (Das Erlebnis des Marschalls von Bassompierre, 1900) e Storia di cavalleria (Reitergeschichte, 1920). E un romanzo in compiuto Andreas o I ricongiunti (Andreas oder die Vereinigten, 1907-1913), tra i capolavori della prosa impressionista Indietro