Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

giovedì 13 agosto

STATISTICHE

Visitatori : 3434732

Pagine visitate : 91238056

Utenti connessi : 40

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Personaggi


Indietro

Simmaco
[ Messina , ]


orridore e «Homo Forte», cosi lo devinisce Diodoro nel suo XX Libro, riportò il premio di vincitore nello stadion (odierna corsa veloce) nell' 88° e nell' 89° Olimpiade Antica, che si celebravano in Grecia.
La gara consisteva essenzialmente in uno sprint su un rettilineo di 192.27 metri che iniziava con uno squillo di tromba dove vi erano dei giudici (agonothetes) ai blocchi di partenza per assicurarsi che non ci fossero false partenze. C'erano anche dei giudici sulla linea di arrivo per stabilire il vincitore ed accertarsi che nessuno avesse barato (se i giudici decidevano per un pari merito, la gara veniva ridisputata). Si correva su sabbia e sia la linea di partenza che quella di arrivo erano contrassegnate da soglie di pietra. I corridori partivano in posizione eretta, probabilmente con le braccia stese in avanti, invece che dalla posizione rannicchiata dei corridori moderni.

Indietro