Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

lunedì 9 dicembre

STATISTICHE

Visitatori : 3289022

Pagine visitate : 88202564

Utenti connessi : 28

Eventi
In Città

Miracoli Il patrimonio votivo popolare della provincia di Messina

SlowFood Valdemone

La Città Fantasma

Nomina sunt numina<br>Prima o poi l'On. Cateno De Luca  si sarebbe incatenato<p align=right>Complimenti</p>
Nomina sunt numina
Prima o poi l'On. Cateno De Luca si sarebbe incatenato

Complimenti

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

In Evidenza

_______________________________________________________________________

Il piacere di leggere

A CURA DI Caterina Papalia


o non ricordo come si chiamasse, alla presentazione del volume de Prof. L. Ferlazzo Natoli, aula Magna dell'università di Messina, autore del sunnominato volume, quel colui che diceva che sì Pugliatti era bravo, ma bravino ... il "soave amico". Spero di avere capito bene, che il signore che diceva che Messina è brutta, e a pensarci è brutta sì, perchè è imbruttita da malaffare e malavolenza, pensa che la nostra università è scusata e scusabile perchè è migliore del resto, (così ha detto) in fondo mi disturba, perchè è stata la mia scuola.
Come si giudica la propria scuola? Non c'è come.
Quando si giudica la propria scuola?

Leggi>> 10/06/2008

PARCO FLUVIALE DEL SIMETO
una proposta condivisa per un reale sviluppo ecocompatibile


n questi anni svariate vicende hanno interessato la Valle del Simeto, evidenziando problematiche e questioni di varia natura dalle diverse sfaccettature, sicuramente la piu’ spinosa e’ stata quella legata alla realizzazione del Termovalorizzatore . Nei mesi scorsi l’attenzione prestata all’area intermedia del Simeto riguardava lo stoccaggio di certi rifiuti pericolosi in area privata (sottoposta a sequestro dall’autorita’giudiziaria), in previsione di realizzazione dell’Inceneritore.

Leggi>> 08/06/2008

Il Verdi di Un Ballo in maschera

al Teatro Vittorio Emanuele

di Caterina Papalia


n ballo in maschera andò in scena per la prima volta a Roma, al Teatro Apollo, il 17 febbraio del 1859.
L'opera, su libretto di A. Somma, l'avvocato poeta, si ispirava ad un'altra opera, esattamente 'Gustave III ou Le bal masqué, con musica di Auber su libretto di Scribe. Verdi ebbe problemi con la censura, poiché la storia prevedeva un regicidio. La censura borbone, in particolare (l'opera doveva essere rappresentata a Napoli, fu molto dura. Verdi rifiutò di ritoccare il testo, ma accettò, successivamente, le osservazioni della censura romana, d'autorità papalina. La scena, da
Stoccolma, si spostò nel Massachusetts, e il re divenne il conte di Warwick, governatore del Massachusetts.

Leggi>> 07/06/2008

Parco dell'Etna su Corriere


n amico mi invita ad andare su www.corriere.it e cliccare sul reportage del Parco dell’Etna, a firma di Alfio Sciacca.
Sicuramente quanto pubblicato merita attenzione, ma nella mia veste di ambientalista mi domando: quante volte talune associazioni ambientaliste dalle sigle ben piu' note della nostra hanno evidenziato il pessimo stato in cui si trova il primo e piu' importante Parco della Regione Siciliana?

Leggi>> 04/06/2008

Messina non ha bisogno di niente.
Scoperta antropologica dell'ultima ora


ittà felice, che non ha bisogno che di cancellini e cassazioni, ogni tanto. Ma nulla di normale. Che strana cosa.. non serve niente a questa comunità. Non serve fede, nè sindaco, nè centri di accoglienza, nè..Lelat, per chi ha bisogno, che non va definito, nè tossico, nè chissàcosa, ma uno che ha bisogno. IN QUESTA CITTA' NESSUNO Ha BISOGNO. Di nulla.

Leggi>> 21/05/2008

GLI ORSI NON SONO NE’ SOPRAMMOBILI,

NE’ GIOCATTOLI


rsi marsicani alla ribalta della cronaca, natura sempre più assediata, parchi nazionali ieri mitici oggi allo sbando, ogni responsabile assente o reticente… Anche per l’Abruzzo, come per tutta la politica italiana, è giunto il momento della verità?
La strage dei pacifici plantigradi avvenuta lo scorso autunno avrebbe dovuto far aprire gli occhi sulla verità del “giallo del Parco”, ma non è stato così. Poche settimane fa, ancora uccisioni, ed altri fatti inesplicabili… Mentre si celebra ormai il settimo anniversario di quella storica “rivoluzione copernicana” promossa nell’anno 2002 dal “nuovo che avanzava”, un lugubre silenzio avvolge ancora molti misteri della telenovela.

Leggi>> 19/05/2008

Chi devo votare a Messina?
Ci penserò domani


ggi la lista era pronta, ma già non era quella di ieri.
Poi arriva domani l'altra, e devo votare per essa. Dopodamani cambia, e devo votare per l'atlra-
Ci penserò domani.

Leggi>> 17/05/2008

La rivoluzione spazzatutto di Berlusconi


ggi l'Italia che Berlusconi ritrova tornando alla Presidenza del Consiglio è ben più compessa di quella che aveva lasciato tre anni addietro. Quel suo mandato navigava consciamente tra sogni, e una grandeur senza concessioni a dubbio. Oggi si riparte dal basso dei detriti che i sogni infranti hanno lasciato lungo le strade. Spazzatura e polvere, e i sacchetti vuoti di illusioni, ma ricolmi di rifiuti. Mo ti voglio.

Leggi>> 13/05/2008

A PROSSIME MEMORIE

A cura di Giovanni Lafirenze


“…E’ il 15 maggio del 1940, quando i portuali di Taranto vedono salpare l’ammiraglia di Supermarina “Vittorio Veneto”, eroica protagonista di future, ma celebri battaglie navali, come “Capo Teulada” ( 27 novembre 1940) e “ Matapan”, (Peloponneso 1941)...”.

Leggi>> 06/05/2008

Il primo maggio: La festa del lavoro.

Il suo significa..tino in Italia


a dunque non è la festa del'Italia!
Lo sappiamo che la Repubbica d'Italia è fondata sul lavoro.
Ma è fondata pure sull'eguaglianza. Ci è capitato di leggere la Costituzione,qualche volta.
Eppure,in Italia c'è chi ha il lavoro, o il da fare, intoccabile nonostante tutto, e chi ha il lavoro co co co....dè. Forse significa coccodè, o forse significa ed è acronimo di : come cosa ,come colla, colla effimera....
Una piccola colla per restare in ossigeno un poco di tempo, e poi la colla si scioglie e tutto cade.

Leggi>> 02/05/2008

XXXI anniversario delle “Madri di Plaza de Mayo”


e madri dei desaparecidos argentini continuano a denunciare le ingiustizie del mondo
Intervista alla presidente dell’Associazione Hebe de Bonafini

Il 30 aprile 2008 le Madri di Plaza de Mayo hanno compiuto il proprio ennesimo anniversario: 31 anni di lotta dalla denuncia della scomparsa dei propri figli sequestrati, torturati e uccisi durante la dittatura. Il 30 aprile 1977 si riunirono infatti sulla piazza di Maggio di Buenos Aires, da cui prendono il nome, per chiedere un’udienza all’ex-dittatore argentino Jorge Videla affinché gli fossero restituiti i figli desaparecidos.

Leggi>> 01/05/2008

Gianni Vattimo a Messina.
Quo vadis?


a cosa più esaltante, oggi l'unica, della restaurazione del libero pensiero di Berlusconi ,proprio oggi ,è: io so le cose che dovevo sapere. non è vero che non ho cultura, e la difendo. Bene. Forse dagli anni trascorsi, nei quali ci siamo spellate le mani a risalir la china, c'è rimasto il più forte e veritiero leit motif: non avere più memoria storica e culturale.
La sinistra messinese superstite ha pensato ad un filosofo, tale prof. Gianni Vattimo, per un buono, elegante, salutare, rigurgito d'orgoglio intellettualle.

Leggi>> 28/04/2008

Letture consigliate
Il piacere di leggere e quello di rileggere

A cura di Caterina Papalia


Di Elio Vittorini, dal POLITECNICO, N.1 "Una nuova cultura"


on più una cultura che consoli nelle sofferenze, ma una cultura che protegga dalle sofferenze, che le combatta e le elimini.
Per un pezzo sarà difficile dire se qualcuno o qualcosa abbia vinto in questa guerra. Ma certo vi è tanto che ha perduro, e chi si vede come abbia perduto. I morti, se li contiamo, sono più di bambini che di soldati; le macerie sono di città che avevano venticinque secoli di vita; di case e di biblioteche, di monumenti, di cattedrali, di tutte le forme per le quali è passato il progresso civile dell'uomo; e i campi su cui si è sparso più sangue si chìamano Mathausen, Maidaneck, Buchenwald, Dakau.

Leggi>> 26/04/2008

ELEZIONI POLITICHE 2008: RIPARTIRE DA GRAMSCI


’esperienza storica ci insegna che, di fronte ad un’ondata reazionaria, i “pannicelli caldi” non servono a nulla. E’ necessaria la resistenza ad oltranza. Se i liberali come Benedetto Croce non avessero considerato il fascismo un “raffreddore”, addirittura salutare; se i socialisti non avessero proposto patti di pacificazione alle squadracce nere, che bruciavano le sedi dei partiti di sinistra e delle associazioni sindacali progressiste; se fosse prevalsa la tesi gramsciana di rispondere a muso duro, allora l’Italia non sarebbe andata incontro ad una dittatura ventennale.

Leggi>> 25/04/2008

Grillo, nel 25 aprile non c'entri nulla


' il giorno della tregua. Liberazione prevede tregua, e ripresa.
L'occupazione di questa giornata da contestazioni è incongrua, ed anche irriguardosa.
Grillo, non è antipolitica, per come la fai passare. Rileggi Aristotele: "l'uomo è un animale politico". Qualunque cosa faccia è poitica perchè è deliberazione e relazione con l'altro, trasformazione fenomenica.
Volevi dire antipartitismo? E va bene, vada, tanto, più che partiti oggi spuntano infatti, movimenti.

Leggi>> 24/04/2008

EARTH DAY
WWF: UN PIANETA IN AFFANNO


CQUA, CIBO E ENERGIA; LA TERRA MOSTRA GLI INEQUIVOCABILI SEGNI DELL'IMPRONTA UMANA"
Nel 2006 il WWF aveva presentato il suo bilancio periodico sullo stato del pianeta, e segnalava il ritmo impressionate con cui si era avviato il degrado degli ecosistemi naturali, un ritmo senza precedenti nella storia della specie umana. Nel "Living Planet Report 2006" gli esperti, dopo due anni di studi, avevano analizzato lo stato naturale del pianeta ed il ritmo di consumo delle risorse (quali il terreno fertile, l'acqua, le risorse forestali, le specie animali, comprese le risorse ittiche).

Leggi>> 22/04/2008

Breve dialogo tra votanti


ota.
- Ho votato. Ummhh.....
- Ritenta, sarai più fortunato.
- In Italia, votiamo sempre. non hai tempo di votarli che devi rivotarli.
Mi dicono che un tempo rivoltavano i vestiti, a casa della piccola e media borghesia.
_E allora? I tempi cambiano, rivoltiamo i votati.

Leggi>> 16/04/2008

Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo la lettera aperta dell' “ASSOCIAZIONE CONTRO TUTTE LE MAFIE”


ignori Presidenti, Assessori e Consiglieri regionali, con grande enfasi, il 3 aprile 2006, si promulgò la Legge Regionale n. 7, "Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare la criminalità comune e organizzata: strumenti antiusura e antiracket".
L’ASSOCIAZIONE CONTRO TUTTE LE MAFIE, ONLUS, sodalizio nazionale riconosciuto dal Ministero dell’Interno, a cui hanno aderito magistrati, avvocati, professori universitari, direttori di testate di informazione e giornalisti, conosciuta e stimata in tutta Italia, prontamente ha colto l’occasione per iscriversi all’albo delle associazioni regionali della Puglia, essendo l’associazione tematica regionale più rappresentativa e importante.

Leggi>> 13/04/2008

Siiiit... zitti, bambini,
disse mamma Italia,
domani dovrete votare.



ormite, che domani dovete votare,
disse mamma Italia.
Dormite ...potrete sognare un mostro ,
o vedere il sole, perchè avete riposato..
.
Riposate , bambini, e pensate dentro la pace,
così scieglierete il sole.

Leggi>> 12/04/2008

Diciamolo: queste elezioni,avanzate nel tempo, sono risultanti dell'inettitudine a realizzare il federalismo.

Alea jacta est, 2008


iamo dovuti tornare all'indipendentismo, il parente povero del federalismo. Eppure, oggi, l'indipendentismo parente povero, cerca di salvare la comunità. I cadetti della storia hanno sempre fatto ciò che i generali dall'alto non potevano , per mille motivi, concretizzare. Molte volte i camerieri hanno salvato il palazzo di famiglia. Debbo ,voglio, precisare che cameriere è per me termine tecnico, nulla di deteriore rispetto ai padroni. Assolutamente. L'affectio delle cose d'ogni natura dà loro dignità, se non è volontà d'usurpazione.

Leggi>> 11/04/2008

Il Venerdì santo della Quaresima

elettorale (si parva licet...)

di Caterina Papalia


osì, è finita la campagna elettorale.Si parva licet componere magnis... ogni volta mi somiglia, e me la richiama, alla quaresima.
Sofferenza e strazio di parole e percorsi accidentati. Cadute, tante, e risalite quando si riesce. Il Venerdi, non più suoni e canti. Silenzio. Riflessione, raccoglimento, attesa degi eventi. Torneranno a suonare le campane.
La passione chiede il rispetto del silenzio, affrancato dalla dicerìa.
Che paragone? Come no.

Leggi>> 10/04/2008

UN CALCIO ALLA STORIA

A cura di Giovanni Lafirenze


l Sacrario dei Caduti d’Oltre Mare è progettato dal Comandante, Genio Guastatori: “Paolo Caccia Dominioni”. L’ufficiale italiano dedica gran parte della propria vita al recupero di Salme Militari Caduti nel deserto del Sahara Occidentale ( El Alamein ). Nel dopoguerra, le Sue idee d’architetto sono indirizzate in più opere, ma nei primi anni sessanta progetta il Sacrario Militare dei Caduti Oltremare. Ad ospitare il Cimitero Militare della Seconda Guerra Mondiale è chiamata la città di Bari. In fatti il 10 dicembre del 1967, il Sacrario apre al mondo, storie e testimonianze dei suoi caduti in guerra.

Leggi>> 08/04/2008

Più che garantire Ferrara,

occorre garantire le persone umili e i lavoratori

Quelle persone, in carne ed ossa,

hanno fatto bene a contestarlo!


gregio direttore,
vorrei, dalle pagine di questa testata, rispondere al dott. Giuseppe Messina (P.D.), che in sua una riflessione, apparsa sulla Gazzetta del Sud del 6 aprile 2008, relativa alla contestazione di piazza a Giuliano Ferrara, affermava che “siamo alla sostituzione dell’avversario, con il nemico da abbattere, costi quel che costi, contraddicendo la concezione volterriana …”.
Un domanda va rivolta: Chi l’ha detto che chi contestava conosce o vuole avere una concezione volterriana?

Leggi>> 07/04/2008

MEMORIE IGNORATE


acciamo tutto ciò che serve a non riprodurre la guerra, le guerre. Facciamo tutto, ma nulla che sia peggiore o somigli alla guerra. Leggete.

“…E’ sicuramente triste, l’abito dei miei ricordi di guerra. Ero un semplice soldato appartenente al 2° battaglione, di una 3° compagnia, comandata da un ufficiale siciliano, il Capitano Scarvagliero. La Guerra era condivisa al fianco dei miei alleati germanici, nell’isola di Rodi. Da tempo sopportavamo continui e, severi confronti con le spietate leggi del nostro “Tartaro”. Feroci duelli tra sopravvivenza e …morte, ma a dispetto delle sofferenze, i pensieri aleggiavano liberi tra le rotte dei propri sogni”.

Leggi>> 01/04/2008

I GENITORI CHIEDONO AL NUOVO MINISTRO UNA SCUOLA DI QUALITA'


uò una lista dei desideri curare un malato grave come la scuola italiana? Come Associazione di genitori radicata sul territorio toscano da quasi quarant’anni, ci siamo interrogati su quali possibili soluzioni indicare ai candidati alle elezioni politiche del 13-14 aprile prossimi. A quelli di tutti gli schieramenti, perché la scuola è il principale strumento di rilancio del futuro del nostro Paese e nessuno può chiamarsi fuori.
Così ci siamo consultati con alcune centinaia di soci e simpatizzanti dell'AGe Toscana, raccogliendo questi "desiderata". Ecco le nostre richieste, in ordine di urgenza:
Un Patto sociale condiviso

Leggi>> 31/03/2008

La linea gotica della mozzarella


h non credea mirarti, candida mozzarella sì male, assunta.
Ora non possiamo mangiare più mozzarelle. Dicono ne mangiasse e ne usasse tante Mastella, e guarda come gli hanno fatto male.
Velenose e diossinate, sotto un cielo foriero di veleni. E alle bufale chi ci pensa? Alle mucche Caroline, ai formaggini ed ai panini col formaggino,alla pizza Margherita, al lattuccio dei bambini. Il pollo ha urlato alla bufala: "oggi a me , domani a te" e ce l'ha fatta.

Leggi>> 30/03/2008

Quanta strada nei miei sandali...
potrebbe oggi cantare Walter


aro Walter Ti crediamo, tu sei in buona fede. Ma se da tanti e tanti lustri la politica centrale ha lasciato che la sicilia si massacrasse di malaffare e lasciasse fare cientelismo e stupro della natura meravigliosa e bella che la circonda , c'è stato un motivo. Uno? E quale per esempio? Il danaro, quel santissimo danaro che diventa potere quando manca altro collante od altro vanto, ha fatto forse comodo lasciare da Roma che il potere "cafone" di Sicilia facesse il "cafone" , ed oggi vogliamo che faccia il raffinato legalista.

Leggi>> 27/03/2008

Letture consigliate
Il consiglio di leggere e quello di rileggere
per capire il presente e poterlo trattare

A cura di Caterina Papalia


i GIOVANNI SPADOLINI, tratto dalla Nuova Antologia, ottobre 1976, fasc.2110, Tre momenti di Roma capitale .
Non è necessario presentare il grande Spadolini ai lettori di età matura, ma speriamo lo presentino a scuola ai più giovani. La rivista Nuova Antologia temo vada un pò più largamente presentata, dato il destino delle cose più raffinate, che è quello, a volte ,di passare inavvertite. L'Antologia è un preziosissimo tesoro di idee, sapere, cultura d'Italia risorgimentale e post-risorgimentale, e del mondo. Giovanni Spadolini la curò per lunghi anni in compagnia di nomi quali Einaudi, Valiani, A. C. Jemolo, altri illustrissimi.

Leggi>> 23/03/2008

Per chi ci ascoltano le cimici?


er chi erano le cimici? Chi distrugge gazebbi elettorali e sedi di partiti? Quel che è certo è che occorre disinfestazione. I controllori sono controllati, i controllanti vanno controllati. Che spaventoso incrocio. Oggi il Giornale conteneva un'editoriale sulla paura di vivere in Italia, data la crisi e data l'inconsistenza decisionista a superare le grandi e piccole questioni.

Leggi>> 22/03/2008

NESSUNA CONDANNA E' UNA FESTA

di Caterina Papalia


gni sentenza di condanna deve servire a ricordare cosa non dobbiamo mai fare : il male . Soprattutto ai più deboli ed indifesi. Per il resto, ogni condanna è una riconosciuta dose di disfatta dell'umanità. La figlia uccisa non torna alla madre ed ai fratelli, e quel visetto di Graziella è stato distrutto. La dignità violata dal male neppure si cicatrizza del tutto. Nessuno approfitti della Giustizia, o cerchi rendite di posizione da tutti gli avvenimenti messi assieme.

Leggi>> 19/03/2008



Pagina 2 di 5___________________<< 1 2 3 4 5 >>