Home
Notiziario
ChiVuol'esserLettoSia
Nel tempo
Personaggi
Photogallery
Rimestanze
RSS

martedì 23 ottobre

STATISTICHE

Visitatori : 3048592

Pagine visitate : 84282540

Utenti connessi : 20

Il piacere di leggerli

Iscriviti alla
Mailing list
Email:

Lista eventi

Il Terremoto del 1908

«Questo mare è pieno di voci e questo cielo è pieno di visioni. Ululano ancora le Nereidi obliate in questo mare, e in questo cielo spesso ondeggiano pensili le città morte. Questo è un luogo sacro, dove le onde greche vengono a cercare le latine; e qui si fondono formando nella serenità del mattino un immenso bagno di purissimi metalli scintillanti nel liquefarsi, e qui si adagiano rendendo, tra i vapori della sera, imagine di grandi
porpore cangianti di tutte le sfumature delle conchiglie. È un luogo sacro questo. Tra Scilla e Messina, in fondo al mare, sotto il cobalto azzurrissimo, sotto i metalli scintillanti dell'aurora, sotto le porpore iridescenti dell’occaso, è appiattata, dicono, la morte; non quella, per dir così, che coglie dalle piante umane ora il fiore ora il frutto, lasciando i rami liberi di fiorire ancora e di fruttare; ma quella che secca le piante stesse; non quella che pota, ma quella che sradica; non quella che lascia dietro sè lacrime, ma quella cui segue l’oblio. Tale potenza nascosta donde s’irradia la rovina e lo stritolio, ha annullato qui tanta storia, tanta bellezza, tanta grandezza. Ma ne è rimasta come l’orma nel cielo, come l’eco nel mare. Qui dove è quasi distrutta la storia, resta la poesia.»

(Giovanni Pascoli, accorso dopo il sisma)


nche il terremoto attirava i cineoperatori, per primi i marinai russi venuti a soccorso, poi i mass-media infine i registi  che desideravano ampliare il loro archivio di attualità da offrire agli spettatori dell’epoca. Bernardini, ha catalogato svariati sismi avvenuti ai tempi del muto, da Il terremoto in Calabria (Alberini & Santoni, 1905) al Terremoto 1906 nell’Irpinia (Cines); da Il terremoto della Calabria (Comerio, 1907) alle tre serie, girate da Luca Comerio, sullo spaventoso Terremoto calabro-siculo del 1909; su quest’ultimo avvenimento si soffermarono anche altri operatori italiani con Il terremoto di Messina e Calabria (Cines), con Il terribile terremoto di Calabria e di Sicilia (Croce & C.), con Messina (Itala Film), Messina distrutta (Cines) e col Disastro di Reggio e Messina (Omegna).
Pochi mesi dopo la casa di produzione Croce & C. inaugura una beneaugurante serie intitolata Dopo il terremoto costituita da tre episodi: Ricostruzione a Reggio e Messina (in due parti) e Resurrezione dei paesi devastati; con lo stesso spirito viene girato La ricostruzione di Messina (SAFFI-Comerio, 1909) e Messina che risorge (Cines, 1910). Ancora la Cines, nel 1912, torna nella città trasformata e parzialmente ricostruita con Messina al giorno d’oggi.
L’Ambrosio non si limita a documentare le conseguenze dei sommovimenti sismici di quell’anno, ma produce anche il dramma L’orfanella di Messina su una bambina salvata dalle macerie. Cocò e il terremoto è invece una comica della Cines del 1910 in cui la lettura di un giornale sui disastrosi effetti di una scossa sismica incute tanta paura in Cocò che quando rientra in casa è ossessionato dal possibile disastro.


Dalla pietà all'amore (il disastro di Messina) della Luca Comedo 1999


Amore e morte (Comerio)


Scene siciliane (Itala Film)


il Terremoto in Calabria di Alberini & Santoni

Lista eventi